rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca

Latitante preso in un blitz di polizia in via della Pescara

Uno spacciatore tunisino latitante è stato arrestato dagli umonini della mobile di Perugia nel corso di un operazione in via della Pescara, l'uomo era ricercato dal 14 luglio e deve scontare 3 anni e mezzo di reclusione

Era ricercato dal 14 luglio quando a suo carico è stato spiccato l'ordine di carcerazione, la sua fuga è durata fino a ieri quando gli uomini della Mobile di Perugia l'hanno individuato e arrestato, ora S.N. tunisino di 34 anni, dovrà scontare deve scontare tre anni e sei mesi di reclusione.

Il magrebino, ricostruiscono gli agenti della Mobile, era entrato illegalmente in Italia nel marzo 2009, per poi stanziarsi a Perugia. Nell'ottobre dello stesso anno, proseguono gli agenti, gli è stato intimato di abbandonare il territorio nazionale. Un mese dopo è finito in manette a seguito dei controlli effettuati nel centro storico di Perugia da parte della polizia. Non ha mai lasciato il territorio nazionale, e a Perugia ha iniziato a 'muoversi' come spacciatore, tanto da essere stato più volte denunciato per vari reati.

Nel marzo 2011 è finito nuovamente in manette in seguito a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere perché coinvolto nell’ambito dell’operazione Pony Express, che ha smantellato una organizzazione composta da 19 persone, di diverse nazionalità, dedite all’importazione e allo spaccio di droghe pesanti nel territorio di Perugia. Nell’organizzazione, specificano dalla Mobile, il tunisino ricopriva i ruoli di corriere e pusher. Scarcerato nel marzo del 2012, il nordafricano è stato colpito dall’obbligo di dimora a Perugia. Per mantenersi, spiegano di nuovo gli agenti, ha continuato a spacciare droga e 'ad accompagnandosi a soggetti anche di altre nazionalità, dediti allo spaccio'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante preso in un blitz di polizia in via della Pescara

PerugiaToday è in caricamento