rotate-mobile
Cronaca

Controlli sulle armi in casa dopo le liti in famiglia: due denunciati per omessa denuncia delle cartucce

La scoperto durante le operazioni della Polizia nelle abitazioni di due persone colpite dalla revoca di custodia di fucili e pistole

Cartucce e munizioni non dichiarate, in due finiscono nei guai con la giustizia dopo i controlli della Polizia sulla corretta detenzione delle armi e del relativo munizionamento.

Gli agenti della Polizia di Stato della Questura di Perugia hanno intensificato i controlli presso le abitazioni e i luoghi in cui, secondo le denunce effettuate all’autorità di pubblica sicurezza, risultano essere custodite le armi dei titolari di licenza e dei detentori.

Gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa hanno denunciato un uomo, classe 1938, che durante un ritiro cautelare, dovuto alla situazione di conflittualità del figlio con l’ex coniuge, è risultato essere in possesso di 8 munizioni calibro 6,35 non denunciate.

Sentito in merito dagli agenti, l’85enne ha fornito una giustificazione non attendibile ed è stato denunciato.

Nell’ambito del ritiro delle armi e delle munizioni connesso all’emissione di un Divieto di Detenzioni Armi emesso dalla Prefettura, gli agenti della Polizia Amministrativa della Questura hanno anche denunciato un uomo, classe 1966, trovato in possesso di 432 cartucce a pallini e 14 cartucce a palla unica non denunciate. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli sulle armi in casa dopo le liti in famiglia: due denunciati per omessa denuncia delle cartucce

PerugiaToday è in caricamento