rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Cronaca

"Signor giudice, è stato un banale litigio di coppia", ma il Tar non crede alla moglie e conferma il ritiro delle armi

La donna aveva cercato di sminuire la lite con tanto di lesioni, per entrambi. I giudici amministrativi danno ragione ai Carabinieri

Una lite furibonda tra marito e moglie, con tanto di lesioni, da entrambe le parti. E visto che in casa c’erano della armi da fuoco, le forze dell’ordine hanno pensato bene di ritirarle.

Adesso l’uomo, difeso dall'avvocato Gabriele Minelli, chiede al Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria di riavere licenza e armi.

Il provvedimento era stato preso sulla base di un intervento dei Carabinieri presso il domicilio dell’uomo su richiesta della moglie per un dissidio. I militari nella relazione di servizio “riferivano che l’animata discussione culminava in reciproche lesioni personali ben visibili sugli [arti] superiori del corpo”. Scattava immediato il “ritiro a scopo cautelare delle armi legalmente detenute dall’odierno ricorrente e della licenza di porto di fucile”.

La donna raccontava ai militari dei problemi di dipendenza dall’alcol del marito negli ultimi cinque anni, tanto che gli era stata ritirata la patente di guida dopo un controllo e l’uomo aveva seguito “un percorso riabilitativo presso un centro specializzato”.

Nel ricorso davanti al Tar è stata depositata anche una lettera, scritta dalla donna, in cui si scrive che i rapporti “si sono assolutamente distesi ed appianati” e che per quella lite non è stata presentata alcuna querela e di “non aver subito alcuna minaccia, tanto meno con le armi, da parte del compagno e di essersi semplicemente allarmata in maniera eccessiva rispetto ai fatti ... che costituivano, invero, un episodio di normale discussione domestica e confronto domestico”.

I giudici amministrativi, però, hanno ritenuto che la storia personale del ricorrente e i fatti che hanno portato al ritiro di armi e licenza costituiscano un precedente per una valutazione negativa sulla corretta tenuta delle armi. Respingendo, così, il ricorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Signor giudice, è stato un banale litigio di coppia", ma il Tar non crede alla moglie e conferma il ritiro delle armi

PerugiaToday è in caricamento