Cronaca

Armi in vendita sul banchetto del mercatino ambulante, scatta la maxi sanzione per un commerciante

Gli agenti contestano il commercio di taser, tirapugni e coltelli in violazione delle norme che riguardano le armi e la sicurezza pubblica

Denunciato e super multa per un ambulante sorpreso a vendere armi sulla bancarella del mercatino di Pissignano di Campello sul Clitunno.

L’uomo, difeso dall'avvocato Fulvio Carlo Maiorca, è stato denunciato dopo un controllo delle forze dell’ordine durante il mercatino del 6 gennaio del 2019.

Sulla bancarelle gli agenti avevano trovato “3 taser marca Sd-800 type, 1 taser marca Ws-008 type Stun gun, 14 tirapugni metallici, 3 coltelli a serramanico e 4 coltelli Sharp deluxe”.

Secondo gli agenti si tratterebbe di una violazione dell’articolo 696 del codice penale e degli articoli 30 e 37 del Testo unico della leggi di pubblica sicurezza, che disciplinano la vendita di armi.

Un violazione che è costata all’ambulante un procedimento chiuso dalla Procura di Perugia con un decreto penale di condanna di 90 giorni di arresto, commutati in pena pecuniaria equivalente a 6.750 euro, oltre al pagamento di 600 euro di multa (per un totale 7.350 euro), con distruzione del materiale sottoposto a sequestro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi in vendita sul banchetto del mercatino ambulante, scatta la maxi sanzione per un commerciante

PerugiaToday è in caricamento