rotate-mobile
Cronaca Assisi

Denunciato per aver sparato al vicino, in casa trovate armi e materiale nazifascista

Pistole, fucili soft air, coltelli, baionette e gagliardetti, nei guai un 36enne di Assisi

Gli agenti del Commissariato di Polizia di Assisi e personale della Digos, hanno denunciato un 36enne del posto per il reato di lesioni personali, danneggiamento aggravato e detenzione illegale di armi e munizionamento.

La Polizia è arrivata al giovane dopo la presentazione di una denuncia per lesioni personali e danneggiamento presentata da un assisano dopo essere stato colpito al collo da un pallino in plastica (quelli utilizzati dalle repliche di armi soft air) mentre lavorava nell'orto e dopo aver scoperto sul suo furgone dei graffi e delle righe prodotto con aggetti metallici appuntiti. Sull'auto laPolizia scientifica ha recuperato, incastrato fra i vetri dei finestrini, un frammento di plastica dello stesso tipo di quello estratto dal collo dell’uomo.
Le indagini portavano verso un cittadino italiano, 36enne, di Assisi, incensurato, vicino agli ambienti di estrema destra. Gli investigatori decidevano, così, di effettuare un controllo all’interno dell’abitazione dell’uomo e trovavano effigi, calendari, soprammobili, pagine di giornale e bandiere riproducenti simboli e personaggi del ventennio fascista e del periodo nazista.

Nel corso della perquisizione venivano trovate anche armi bianche ed armi ad aria compressa, tra le quali due carabine e pallini come quelli che avevano colpito l'uomo nell'orto e l'automobile. Tra le armi c'era anche un moschetto italianno risalente al 1890 e perfettamente funzionante.

Tutto il materiale è stato sequestrato e il 36enne denunciato per lesioni personali, danneggiamento aggravato e detenzione illegale di armi e munizionamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunciato per aver sparato al vicino, in casa trovate armi e materiale nazifascista

PerugiaToday è in caricamento