Dopo polemiche e tuttologi, le modifiche al progetto della riqualificazione degli Arconi promosse anche dalla Regione

In consiglio regionale i consiglieri regionali del Partito democratico Giacomo Leonelli e Carla Casciari hanno presentato l'interrogazione a risposta immediata inerente il progetto di riqualificazione degli Arconi, in Piazza della Rupe a Perugia

Il progetto degli Arconi non piace al centrosinistra - nononostante fu fortemente voluto dall'ex sindaco Boccali - e ad alcune associazioni dell'acropoli perugina che non hanno apprezzato le modifiche "obbligate" da parte dell'amministrazione comunale Romizi e che potranno essere valutate solo a fine lavori. Dopo la discussione sul consiglio comunale aperto sulle grandi opere, la discussione è stata portata avanti anche in consiglio regionale dato che la Regione ha sborsato alcuni milioni di euro per il recupero di questa aree del centro storico. Le domande dei consiglieri Leonelli e Casciari hanno ricevuto le risposte chiare dell'assessore Cecchini che ha ribadito la validità del progetto. “Le modifiche apportate non mettono in discussione il cofinanziamento e la Regione è stata messa a conoscenza dei vari passaggi, è stata informata sulla rispondenza del progetto agli obiettivi e sul rispetto delle normative, non entrando nel merito della parte progettuale che è compito esclusivo del soggetto proponente, il Comune di Perugia".

"L'idea progettuale - ha concluso - risalente al 2013, è stata subito condivisa anche per l'importanza di servizi come le biblioteche, luogo culturale e sociale di relazioni che porterà valore aggiunto in un'area di pregio già riqualificata. Nel 2014 le risorse sono state messe a disposizione, il Comune ha avviato tutte le procedure ed è arrivato lo stop della Sovrintendenza. Quindi il Comune ha individuato la soluzione soddisfacente anche per il Sovrintendente, con un unico progetto per biblioteca e salone gotico. La Regione ha verificato la rispondenza agli obiettivi e alle finalità previste dai criteri di assegnazione delle risorse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella replica, la consigliera Casciari ha detto che “sulla vicenda Arconi è stato sollevato un gran polverone e l'accelerazione dei tempi di realizzazione del progetto per poter intercettare i fondi europei a gennaio 2016 non ha giovato. Forse il progetto non è stato partecipato abbastanza, soprattutto dopo che sono state apportate delle modifiche e mi auguro che le prescrizioni della Sovrintendenza possano portare a compimento l'opera come previsto, evitando così l'applicazione di penali”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento