rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca

Aprono le auto in sosta con un radiocomando universale e rubano tutto: condannati

La Cassazione accoglie il ricorso e manda alla Corte d'appello di Perugia per un nuovo giudizio sulla contestazione del mezzo fraudolento

Rubano nelle auto in sosta grazie a un radiocomando per aprire le portiere, vengono condannati con l’abbreviato e 2 anni e 6 mesi di reclusione, ma il processo torna in Corte d’appello a Perugia per la contestazione delle aggravanti.

I due imputati, due campani di 41 e 39 anni, hanno patteggiato una pena a 2 anni e 6 mesi di reclusione, più una multa di 600 euro, “in relazione al reato di furto aggravato, commesso ai danni di due viaggiatori cui sottraevano il bagaglio contenuto nell'autovettura Fiat Tipo ..., riuscendo ad aprire le portiere, chiuse correttamente, mediante l'utilizzo di un dispositivo elettronico fraudolento”.

I due avrebbero utilizzato dei disturbatori di frequenza che possono bloccare o captare i segnali di connessione. Una volta ricevuto il segnale possono replicarlo o bloccarlo, in modo da aprire l’auto.

I due hanno fatto ricorso in Cassazione contro la decisione di non eliminare, dall’abbreviato, l’aggravante “del mezzo fraudolento”.

Per i giudici della Cassazione il ricorso è fondato per un mero cavillo tecnico, in quanto sarebbe “stata impedita alle parti la discussione e la formulazione delle conclusioni nel merito”.

Da qui il rinvio alla Corte d’appello di Perugia per una nuova valutazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprono le auto in sosta con un radiocomando universale e rubano tutto: condannati

PerugiaToday è in caricamento