menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafia, arriva la "lista bianca" delle aziende pulite a tutela degli appalti pubblici e dei cittadini

La prefettura ha deciso d'istituire anche a Perugia la 'White List' delle aziende non soggette a tentativi di infiltrazione mafiosa, operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Il tessuto economico è invitato a partecipare

La lista è stata aperta, ora tocca alle aziende certificare la propria estraneità alle infiltrazioni mafiose. La Prefettura di Perugia ha dato notizia di aver istituito la cosiddetta 'White List', l'elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa, operanti nei settori esposti maggiormente a rischio.

Molte città italiane sono provviste di questa lista e vista l'esperienza precedente a Catanzaro del neo Prefetto di Perugia, Antonio Reppucci, non ci stupisce l'apertura della 'lista' per il capoluogo umbro. La 'White List' riguarda le imprese che si occupano di attività di trasporto di materiali a discarica e smaltimento rifiuti per conto terzi, estrazione, fornitura e trasporto di terra, materiali inerti, calcestruzzo e bitume, noli a freddo di macchinari e noli a caldo, fornitura di ferro lavorato, autotrasporti per conto terzi, guardiania dei cantieri, così come previsto dalla legge 6 novembre 2012, n. 190 e dal D.P.C.M. del 18 aprile 20 13, entrato in vigore il 14 agosto scorso.

L’iscrizione nell'elenco, che è di natura volontaria, è equipollente al rilascio dell'informazione antimafia liberatoria per lo svolgimento dell’attività per cui è conseguita, dura 12 mesi e può essere rinnovata. È sufficiente che il titolare dell'impresa ovvero il legale rappresentante della società presentino domanda in prefettura utilizzando uno dei modelli riportati nella sezione 'Amministrazione Trasparente - White List' del sito della prefettura di Perugia, specificando il settore o i settori di attività per cui si chiede l'iscrizione, allegando la dichiarazione sostitutiva del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio e le autocertificazioni relative ai familiari conviventi, rese da ciascun soggetto sottoposto a verifica ai sensi dell’art. 85 del Codice antimafia. Dopo i controlli previsti dal codice antimafia, la prefettura pubblicherà l’elenco sul proprio sito, sempre nella sezione “Amministrazione Trasparente - White List”.

La domanda può essere trasmessa per posta certificata all'indirizzo sicurezza.prefpg@pec.interno.it, specificando nell'oggetto "richiesta iscrizione in white list" oppure per posta ordinaria a Prefettura di Perugia - Piazza Italia n. 11 o mediante consegna all’ufficio Antimafia, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.00.  Dopo i controlli previsti dal codice antimafia, la prefettura pubblicherà l’elenco sul proprio sito, sempre nella sezione “Amministrazione Trasparente - White List”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento