menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme bomba al Duomo, artificieri in centro storico: zainetto scatena il panico

Allarme rientrato: lo zainetto non conteneva nulla di sospetto. Così lo hanno consegnato ai carabinieri

Accaduto poco dopo le 13. Attenzione, via tutti: cercano di far saltare la cattedrale! Questa è stata la reazione prevalente, al momento in cui si è accertata la presenza di uno zainetto abbandonato sul sagrato del duomo. Aveva tutta l’aria di uno strumento finalizzato ad attuare un attentato.

Piazza pulita, dunque, di tutte le persone che se ne stavano pacificamente a godersi questo scampolo di giornata primaverile, col sole che scalda il corpo e la brezza che accarezza la faccia. La notizia è volata come il vento e c’è stato il fuggi-fuggi generalizzato. Con gli addetti alla sicurezza che esortavano ad allontanarsi dicendo “Via, via!” e la gente che non aveva ancora capito e s’incavolava. Piazza IV Novembre svuotata, tra chi si è rifugiato in piazza Danti e quanti hanno preferito prendere il largo verso corso Vannucci.

Poi sono intervenuti gli artificieri per verificare il contenuto del sacco con una dotazione speciale. Prima lo hanno agganciato con una corda per tirarlo giù verso la fine delle scalette. Poi gli hanno messo sopra un’attrezzatura e lo hanno solo controllato con una scatola camera. Allarme rientrato: lo zainetto non conteneva nulla di sospetto. Così lo hanno consegnato ai carabinieri.

Era anche corsa voce che pensassero di farlo brillare sul posto: una scelta scellerata che avrebbe dato esecuzione alle intenzioni dell’ipotizzato attentatore. Ma, tra le forze dell’ordine, questa sciagurata ipotesi non è passata nemmeno per l’anticamera del cervello. Sarebbe stato come accendere la miccia di un esplosivo sotto i nostri piedi. Più sconsiderati di così… si muore.

Tanta paura per niente, dunque. Meglio. La prudenza non è mai troppa ed è preferibile accertare, piuttosto che cullarsi su convinzioni facilotte e banali, del tipo “A Perugia nulla può succedere”. Le foto, il filmato e la notizia ci sono state passate da Gianluca Papalini, storico residente di Porta Sole e inesausto defensor civitatis.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento