rotate-mobile
Cronaca

Guida sicura senza bere, per il 12% non è così

"TrasiMenoAlcol, se guido non bevo", nuove adesioni per la campagna di prevenzione e promozione della guida sicura lanciata dal Distretto Sanitario del Trasimeno, dai Comuni del Trasimeno e dal CeSVol coinvolge attivamente sagre, bar e ristoranti

Dopo l'episodio del weekend scorso del ragazzo al volante ubriaco e in contromano sull E45 e le successive prese di posizione dell'opinione pubblica e del presidente di Aci Umbria; i comuni del Trasimeno fanno sapere di aver aderito ad un progetto di sensibilizzazione verso questo allarme alcol al volante.

Il progetto si chiama "TrasiMenoAlcol, se guido non bevo" e rientra nell’ambito del piano regionale di prevenzione 2010-2012, i Comuni di Castiglione del Lago, Panicale e Magione  sono i comuni che hanno aderito alla campagna lanciata dal gruppo integrato di promozione della salute composto dal distretto sanitario del Trasimeno, dai Comuni della zona sociale n. 5 e dal CeSVol. In particolare, è stata messa in campo una serie di interventi di informazione e sensibilizzazione da adottare all’interno delle feste e delle sagre paesane così come nei bar, nei pub e nei ristoranti del territorio.

"Attraverso l'attivo coinvolgimento di gestori e animatori di eventi ricreativi, - spiega Pamela Raspa, coordinatrice del gruppo integrato di promozione della salute del Trasimeno - il progetto TrasiMenoAlcol si propone di favorire lo sviluppo di determinate abilità del personale addetto alla somministrazione di bevande alcoliche, al fine di abbattere il rischio legato di incidenti alcol-correlati. Gli interventi sono volti a trasformare gli stessi luoghi di divertimento in veicoli di promozione della salute anche attraverso l’utilizzo di un logo condiviso da apporre su tovagliette o fascette da distribuire a guidatori, in modo da diffondere con continuità ed efficacia il messaggio di guida sicura".

I dati Istat-Aci 2008 riferiscono che gli incidenti stradali più gravi sono spesso provocati dall’alcol: oltre un terzo della mortalità sulle strade è infatti attribuibile alla guida in stato di ebbrezza. La Sorveglianza PASSI (Rapporto nazionale 2008) fa rilevare che il 12% dei soggetti intervistati dichiara di avere recentemente guidato sotto l’effetto dell’alcol (più frequente tra i maschi 18-34), e l‘8,3% riferisce di esser stato trasportato da un conducente sotto l’effetto dell’alcol. Anche in Umbria (PASSI, 2009) gli incidenti stradali alcolcorrelati, in particolare tra i giovani di età compresa tra i 18 ed i 24 anni, rappresentano un problema diffuso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida sicura senza bere, per il 12% non è così

PerugiaToday è in caricamento