Cronaca

Allagamento in Tribunale, protesta la Camera penale: "Serve con urgenza la Cittadella Giudiziaria"

La denuncia: "Da tempo che si verificano allagamenti ed infiltrazioni che rendono assolutamente insalubre lo svolgimento delle attività professionali, in particolare d’udienza, presso il Tribunale Penale di Perugia"

L'allagamento dei corridoi del Tribunale penale di Perugia, realizzato in una vecchia centrale per la produzione di energia elettrica, con le aule sotto il piano stradale, è solo l'ultimo dei problemi.

La Camera Penale di Perugia "Fabio Dean" interviene sull'allagamento e "non può non stigmatizzare la grave ed emergenziale situazione nella quale versano le aule d’udienza del Tribunale Penale di Perugia" ove "ormai da anni, gli avvocati, i magistrati ed il personale amministrativo, sono costretti a svolgere le proprie attività in aule di dubbia regolarità". Quanto all'allagamento "purtroppo non si è trattato di un episodio isolato. E’ ormai da tempo che si verificano allagamenti ed infiltrazioni che rendono assolutamente insalubre lo svolgimento delle attività professionali, in particolare d’udienza, presso il Tribunale Penale di Perugia - si legge in una nota del consiglio direttivo dell'associazione - Le aule, infatti, sono prive di adeguati sistemi di aerazione, sono di dimensioni troppo piccole e soggette ad un’affluenza ordinaria che è incompatibile con il rispetto delle norme di carattere emergenziale".

Una situazione che "si è inoltre aggravata negli ultimi periodi, nei quali ragioni sanitarie impongono una maggior attenzione a tutela della salute di tutti i cittadini, e, quindi, anche degli avvocati, dei magistrati, del personale di cancelleria, dei testimoni e delle parti processuali che, giornalmente ed in centinaia, si trovano a frequentare le aule di giustizia del locale Tribunale Penale - prosegue la nota - La Camera Penale di Perugia da tempo si adopera con forza, sensibilizzando tutte le forze politiche, sia a livello locale che nazionale, l’Ordine professionale, e le autorità giudiziarie, affinché venga trovata una soluzione ai gravi disagi sopra indicati nel più breve tempo possibile. Detta battaglia viene condotta, a lungo termine, sollecitando e seguendo passo per passo l’evoluzione del progetto della Cittadella Giudiziaria e chiedendo che vengano trovati altri spazi, a breve termine, ove poter svolgere in sicurezza le udienze penali".

La Camera penale di Perugia "ha, tra l’altro, indicato alcuni spazi ritenuti fruibili per accogliere, almeno temporaneamente, l’attività d’udienza e che si è tuttora in attesa di riscontro sul punto dalle autorità competenti. Gli allagamenti di oggi sono solo l’ennesima riprova dell’evidente urgenza di apprestare immediati rimedi, al fine di garantire la prosecuzione dell’attività in condizioni di sicurezza e decoro e, pertanto della necessità impellente di reperire nuove, più salubri ed adeguate aule d’udienza, ancor di più in un’ottica di ripresa dello svolgimento delle udienze con le modalità ordinarie, ossia in presenza - conclude la nota - La Camera penale, facendosi portavoce delle numerose lamentele dei propri iscritti, non può esimersi dal chiedere che le Autorità competenti trovino immediatamente una soluzione logistica diversa dall’attuale, per lo svolgimento, quantomeno, dell’attività d’udienza, con l’individuazione e la messa a disposizione di spazi più adeguati, idonei e sicuri per tutti. Confidando nel fatto che le numerose tavole rotonde organizzate sul tema portassero celermente all’adozione di una soluzione condivisa, l’avvocatura penalista ha pazientato, ma, poiché, ad oggi, non è stato ancora elaborato un concreto progetto per una sede alternativa e la situazione sta peggiorando".

Se non dovessero arrivare risposte e interventi, verrà proclamata l’astensione degli avvocati da tutte le attività giudiziarie d’aula.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allagamento in Tribunale, protesta la Camera penale: "Serve con urgenza la Cittadella Giudiziaria"

PerugiaToday è in caricamento