Cronaca Gualdo Tadino

Gualdo Tadino: picchia l'amico invalido e lo manda in ospedale, a processo

L'uomo era caduto all'indietro battendo la testa e finendo in Rianimazione a Perugia. Mai chiariti i motivi dell'aggressione

Un rapporto di amicizia rovinato all’improvviso con uno strascico in tribunale.

Un uomo, difeso dall’avvocato Marco Spoleti, è finito sotto processo con l’accusa di lesioni aggravate per aver mandato in ospedale un invalido a seguito di una lite.

Secondo la denuncia e la ricostruzione della Procura di Perugia, l’uomo era legato alla vittima, costituitasi parte civile tramite l’avvocato Sergio Foscoli, svolgendo compiti di accompagnatore o per piccole commissioni. Poi era accaduto qualcosa (l’invalido non aveva più avuto bisogno, oppure c’erano state richieste di denaro, comunque i motivi della rottura non sono mai stati chiariti) e il rapporto si era incrinato.

Dall’amicizia si era passati all’astio, fino all’aggressione con l’uomo che avrebbe prima preso per il collo l’invalido, poi lo avrebbe colpito con violenza allo sterno, facendolo cadere a terra all’indietro.

Nella caduta l’uomo aveva sbattuto la nuca per terra ed era stato trasportato prima al Pronto soccorso dell’ospedale di Branca e poi in Rianimazione a Perugia perché in pericolo di vita.

La vittima si era ripresa e aveva denunciato l’aggressione avvenuta il 26 ottobre del 2016 a Gualdo Tadino. A distanza di sei anni dai fatti è arrivato il momento della sentenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gualdo Tadino: picchia l'amico invalido e lo manda in ospedale, a processo
PerugiaToday è in caricamento