menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Dirigente picchiato in Comune: "E' un'aggressione allo Stato. Sicurezza sul lavoro è la priorità"

La risposta di Fp Cgil in merito all’aggressione subìta questa mattina da un dirigente del Comune da parte di un cittadino, ferito al volto e trasportato al pronto soccorso

“Bisogna che le Istituzioni reagiscano perché un’aggressione ad un dipendente del pubblico impiego è un aggressione allo Stato, perché il lavoratore pubblico è la manifestazione dello Stato”. E’ la risposta di Fp Cgil in merito all’aggressione subìta questa mattina da un dirigente del Comune da parte di un cittadino, ferito al volto e trasportato al pronto soccorso. Un brutto episodio sul quale ha preso posizione anche il primo cittadino, Andrea Romizi, condannando duramente l'aggressione.

"Quello che è accaduto questa mattina a un dipendente del Comune - sottolinea il sindacato - è l’ennesimo episodio che si registra nella realtà umbra. Troppo spesso per coprire le inefficienze di un sistema burocratico talmente complesso da diventare incomprensibile ai più, si è cercato il capro espiatorio nei lavoratori del pubblico impiego, mettendoli all’indice come 'fannulloni', 'ladri' ecc. È come se si desse la colpa all’agente di polizia municipale per aver multato il proprietario di una vettura parcheggiata in divieto di sosta, e non allo stesso proprietario che lì non doveva parcheggiare”.

“Basta con le chiacchiere”. Tuonano i sindacalisti, che per affrontare la questione chiedono che “si cominci a produrre informazione corretta su quello che fanno i dipendenti pubblici (garantire servizi ai cittadini), sulle difficoltà che questi, nello svolgere le proprie mansioni, spesso si trovano di fronte e rispetto alle quali, considerate le risorse a disposizione, poco possono fare". Importante anche fare prevenzione "per dare agli operatori gli strumenti per fronteggiare le diverse situazioni che si trovano di fronte”. La sicurezza – ribadisce la Fp Cgil – è una priorità sul posto di lavoro e una questione di civiltà. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento