Due attivisti di Potere al Popolo aggrediti mentre attaccano manifesti elettorali: indagini in corso

Feriti due attivisti di Potere al Popolo. Per loro, fortunatamente, una prognosi di cinque giorni. Indagano carabinieri e Digos. E' mistero sugli aggressori

Due attivisti di Potere al Popolo, aggrediti nella serata di ieri, martedì 20 febbraio, a Ponte Felcino. Secondo quanto ricostruito erano intenti ad attaccare manifesti elettorali quando improvvisamente sarebbero stati aggrediti da almeno quattro persone. Sul caso stanno cercando di fare chiarezza le indagini dei carabinieri e della Digos: i due avrebbero raccontato di essere stati aggrediti con una lama, forse un coltello o un taglierino. Arrivati al pronto soccorso dell'ospedale di Perugia per farsi refertare, i medici hanno diagnosticato ferite giudicate guaribili in cinque giorni. Accertamenti in corso per ricostruire l'accaduto. 

Perugia, due attivisti di Potere al Popolo accoltellati e picchiati: "Aggressione di chiaro stampo fascista"

La direzione regionale di Potere al Popolo è sotto choc dopo l'aggressione  avvenuta ieri sera durante il rituale elettorale dell'attacchinaggio dei manifesti. I militanti hanno ribadito che non si è trattato di una lite tra squadre che contemporaneamente  stavano attaccando i manifesti (come speso è accaduto e accade quando si occupano spazi altrui). Ma gli aggressori sarebbero spuntati fuori dal nulla e si sarebbero diretti immediatamente contro i militani di Potere al Polpolo . 

AGGIORNAMENTO - ORE 13,15 - Sviluppi sull'indagine, presidio ani-fascista stasera

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In attesa di chiarimenti importanti sulla vicenda, resta alta la tensione tra gruppi di destra e sinistra dopo il pestaggio di un esponente di Forza Nuova in Sicilia. Il pestaggio a sangue subito dal dirigente provinciale di Forza Nuova è avvenuto  a pochi passi dalla sede del movimento di estrema destra ed è stato  rivendicato con una mail inviata a PalermoToday dagli antifascisti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 6 agosto: altri tre positivi, aumentano i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento