menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli indicano il treno che deve prendere, dà di matto e picchia gli agenti

L'uomo è stato inizialmente richiamato perché attraversava i binari, poi, senza motivo ha perso la testa e si è scagliato contro gli agenti

Alba movimentata alla stazione di Ponte San Giovanni, tanto che gli agenti delle volanti della Questura di Perugia sono dovuti intervenire per bloccare un 32enne nigeriano andato fuori di testa.

I poliziotti sono intervenuti dopo l'allarme lanciato dal personale in servizio alla stazione di Fontivegge. Una volta sul posto, gli agenti hanno dovuto inizialmente convincere lo straniero a restare calmo ed a evitare comportamenti che avrebbero potuto pregiudicare la sua incolumità. Stando, infatti, al racconto degli agenti l'uomo avrebbe più volte attraversato i binari e sostato nelle banchine a raso.

Quella che all’inizio si era però presentata come una situazione di facile risoluzione, tanto che gli agenti erano riusciti in breve a riportare il tutto alla calma, indicando allo straniero il treno sul quale salire per far ritorno a Bastia Umbra, è degenerata in un breve lasso di tempo, perché l'uomo, sin dall’inizio poco collaborativo, con modi repentini, ha aggredito gli stessi fino ad arrivare ad una violenta colluttazione. Solo la prontezza del personale operante è riuscita ad evitare il peggio.

Il nigeriano, accompagnato negli uffici della Questura per essere foto segnalato, ha continuato ad aggredire gli agenti, scagliandosi addirittura contro le vetrate di una porta della Questura. Al termine dell’intervento è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale – uno degli operatori ha avuto 10 giorni di prognosi – e per danneggiamento.

D’intesa con il Pm di turno, infine, è stato ristretto temporaneamente presso le camere di sicurezza, per la successiva sottoposizione al giudizio con rito direttissimo. Il cittadino nigeriano, già noto alle Forze di Polizia, tre giorni fa era stato arrestato da personale del Commissariato di Assisi, per comportamenti analoghi e dopo il processo per direttissima, era stato posto in libertà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento