Agenzia Forestale, dipendenti dai legali Ugl: "Vogliamo gli interessi su stipendi arretrati"

Dovevano arrivare oggi, 20 novembre, gli stipendi dei dipendenti dell'Agenzia Forestale, ma nonostante le promesse sembra che la situazione non si sia ancora risolta. A intervenire il sindacato Ugl Umbria che ha fatto sapere di mettere a disposizione l'ufficio vertenze

Enzo Gaudiosi segretario regionale Ugl

Suonano senza tregua dalla mattina di questo 20 novembre i telefoni degli uffici dell'Agenzia Forestale. I dipendenti pretendono di sapere quando verranno pagati gli stipendi. A scendere in campo in loro difesa l’Ugl Umbria che ha deciso di mettere a disposizione il proprio ufficio vertenze per iniziare le procedure di "messa in mora" nei confronti dell'azienda.

Un’azione diretta quella del sindacato e spiegata direttamente per bocca del segretario regionale, Enzo Gaudiosi: ”Ci sembra un gesto di doverosa giustizia nei confronti dei lavoratori a cui si continua a dire, in primis dall'assessore Cecchini, che non ci sono problemi e che i ritardi sui pagamenti sono stati irrilevanti. Ritardi che in molti casi si concretizzano in vere difficoltà nel pagare mutui e bollette che certamente non fanno sconti a nessuno in termini di interessi di mora”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo infatti sempre Gaudiosi: “Dobbiamo dimostrare alla politica locale i disagi che i ritardi già da troppo tempo stanno penalizzando pesantemente quelle famiglie che devono appunto pagare mutuo e bollette. Da qui la decisione di chiedere gli interessi su ogni singolo giorno di ritardo all'ente che racchiude le ex comunità montana. Non dimentichiamoci che il 20 novembre - cioè oggi - sarebbero dovuti arrivare gli stipendi di ottobre che molto probabilmente saranno invece pagati con almeno due settimane di ritardo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento