menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cronaca

Il presunto ladro colpisce con calci e pugni l'agente fuori servizio che spara in aria per fermarlo

L'aggressore bloccato poco dopo da una pattuglia finisce in tribunale e viene condannato a 6 mesi di reclusione

Beccato da un poliziotto fuori servizio ad aggirarsi tra le villette, lo aggredisce e poi fugge nonostante l’agente esploda un colpo in aria per fermarlo. Rintracciato poco dopo e denunciato finisce in tribunale e condannato a 6 mesi per resistenza a pubblico ufficiale.

I fatti risalgono all’aprile del 2014, tra Ellera e Corciano, dove si erano verificati dei furti nelle abitazioni. Una sera un agente fuori servizio, rientrando a casa, aveva notato un’auto che si aggirava nel quartiere. L’aveva seguita e quando si era fermata, aveva intimato ai due occupanti appena scesi di fermarsi, qualificandosi come agente.

Uno dei due occupanti, secondo il racconto del poliziotto, l’aveva aggredito con calci e pugni (tanto da costringerlo a farsi medicare al Pronto soccorso). L’agente aveva estratto la pistola di ordinanza ed esploso un colpo in aria, a scopo intimidatorio.

I due erano fuggiti in auto, ma venivano fermati poco dopo dai colleghi dell’agente. Quello che aveva aggredito il poliziotto veniva denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

In tribunale, difeso dall’avvocato Guido Rondoni, è stato condannato a 6 mesi di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presunto ladro colpisce con calci e pugni l'agente fuori servizio che spara in aria per fermarlo

Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento