Poliziotto ferito ad un braccio durante un controllo, l'accoltellatore resta in carcere

La decisione del giudice dopo l'udienza di convalida. Al magistrato che lo interrogava l'uomo ha chiesto: "Chi mi ripaga i danni alla porta sfondata?"

Arresto convalidato con conferma della misura in carcere per l’uomo che ha ferito un agente di Polizia durante un controllo. Lo ha stabilito il giudice Piercarlo Frabotta al termine dell’udienza di convalida. L’uomo è assistito dall’avvocato Daniele Federici, nominato per l’arrestato dal suo amministratore di sostegno.

L’uomo, seguito dai servizi sociali e dal Centro di salute mentale, era sottoposto ad una cura con visite periodiche, ma da alcune settimane non si presentava in ambulatorio e non prendeva i farmaci prescritti.

Così due medici e una pattuglia della Polizia municipale si sono recati presso la sua abitazione per un accertamento sanitario obbligatorio.

Quando l’uomo ha visto medici e agenti nel piazzale davanti alla sua abitazione si è barricato in casa per non far entrare nessuno. Poi si è affacciato alla finestra e, impugnando un coltello, ha iniziato a minacciare i presenti.

Minacce che sono proseguite anche all’arrivo della Polizia di Stato e dei Vigili del fuoco, chiamati per entrare nell’abitazione per l’accertamento.

Quando i Vigili del fuoco hanno sfondato la porta (l’uomo ha avanzato delle proteste lamentando i danni e chiedendo chi glieli avrebbe mai ripagati) gli agenti di Polizia sono entrati e uno degli operanti è stato raggiunto da un fendente che gli ha reciso un tendine.

Siccome l’uomo non accennava a calmarsi, gli operanti sono stati anche costretti ad utilizzare lo spray urticante in dotazione. Poi lo hanno bloccato e portato in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E per il giudice, come scrive nella sua ordinanza, vista la pericolosità del soggetto, è bene che resti in carcere e che segue le prescrizioni cui era già sottoposto a causa delle patologie di cui soffre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento