Visibilità inferiore a 500 metri, la nebbia sull'aeroporto fa cambiare la destinazione d'atterraggio

Nota della Sase: "Il problema dei cinghiali risolto nella notte. Volo dirottato a Roma per la visibilità ridotta che impediva l'atterraggio"

Riceviamo e pubblichiamo la nota della Sase in relazione all'annullamento dell'atterraggio del volo Milano-Perugia di questa mattina, poi dirottato su Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Sase ritiene urgente ricostruire la verità assoluta, inconfutabile e verificabile dei fatti. Nella giornata di ieri la presenza di alcuni cinghiali all'interno del perimetro dell'aeroporto, cosa piuttosto frequente in tutti gli aeroporti italiani (essendo capaci i cinghiali di scavare percorsi sotterranei), ha comportato l'immediata chiusura dello scalo e l'attivazione del cosiddetto "notam" una sorta di "avviso ai naviganti" che comporta il rispetto dell'allarme prodotto. In serata una volta liberata la superficie dalla presenza degli animali il problema era già risolto, pronti dunque per la regolare riapertura mattutina, così che alle ore 7 di questa mattina è stato ritirato ufficialmente l'allarme (notam), decisione di grande rilievo viste le immense responsabilità collegate ad essa. Di conseguenza la partenza del volo Milano-Perugia delle 7.30 non è stato condizionato da alcun impedimento, il ritardo del decollo di oggi di 15 minuti  rientra nei termini assolutamente fisiologici alle operazioni di imbarco ed al traffico aereo del momento, ed è dipeso esclusivamente dalle decisioni del comandante del velivolo. Durante il volo la Torre di Controllo dell'aeroporto San Francesco (come tutte le Torri appartenente ad un ente nazionale totalmente indipendente dagli scali) ha segnalato la presenza di nebbia con visibilità inferiore ai 500 metri, condizione che, in particolare per lo scalo umbro, impedisce al comandante di atterrare, a meno che lo stesso se ne assuma la totale responsabilità. È questo l'unico motivo per cui è stata presa la decisione di dirigere l'aeromobile su Roma, nonostante già da molte ore fosse cessato l'allarme cinghiali, assolutamente assenti dalla aviosuperficie già dalla serata di ieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento