Provincia aderisce a Fondazione Perugia-Assisi, Baldelli: "Speranza per il futuro"

Il capogruppo del Prc, Luca Baldelli è entusiasta per l'adesione della Provincia alla Fondazione Perugia-Assisi 2019, dopo la votazione unanime della Terza Commissione

"Saluto con grande entusiasmo e viva speranza per il futuro – afferma in una nota il capogruppo del Prc in Consiglio Provinciale Luca Baldelli - la votazione unanime, all’interno della III Commissione da me presieduta, sull’adesione della Provincia alla “Fondazione di Partecipazione PerugiAssisi 2019 “, per la candidatura di Perugia – Assisi e, contestualmente, del territorio provinciale, a “Capitale Europea della Cultura“.

La Commissione ha fin dal 2009 sposato con convinzione questo porgetto, esortando la Giunta e le Istituzioni a lavorare concordemente per il raggiungimento dell’obiettivo, un obiettivo di eccezionale prestigio per la Provincia di Perugia e per l’Umbria. L’ottica della Commissione da me presieduta, del Consiglio provinciale e dell’Assessore Porzi è stata e sarà quella di lavorare come se l’investitura fosse già nelle nostre mani ; partire con atteggiamento perdente e poco convinto non gioverebbe a nulla e creerebbe solo problemi e ostacoli, impedendo la piena valorizzazione delle eccellenze e dei progetti che debbono necessariamente accompagnarsi a questo straordinario appuntamento.

L'esempio di Ravenna- Sempre ho citato come esempi la Città di Ravenna ed altre Città europee che, con grande spirito d’iniziativa, hanno già messo in cantiere e realizzato iniziative mettendo in evidenza la loro candidatura. Noi corriamo per vincere, non solo per partecipare, ma già partecipando saremo in grado di mettere in moto un volano di iniziative economiche, culturali , sociali, di alto profilo, a tutto vantaggio dell’immagine della Provincia di Perugia, dell’Umbria, dei suoi operatori economici, della collettività nel più ampio senso.

Collaborazione nel mondo della cultura- L’invito della Commissione è quello di operare in maniera più stretta con il mondo della cultura, dell’Università, delle imprese, per progetti che da qui al 2019 possano far brillare di luce il nome di Perugia, di Assisi, della Provincia, dell’Umbria, nel mondo . In tale senso si sono diretti, anche nel contesto della votazione sull’adesione alla Fondazione, gli interventi mio e degli altri Commissari, valutati con grande attenzione dall’Assessore. L’operazione che si sta portando a termine è di portata storica: siamo riusciti a coagulare, attorno al perno Perugia – Assisi, tutti i territori della Provincia, che dalla candidatura e ancor più dall’eventuale designazione riceveranno un beneficio indiscutibilmente elevato, in termini di investimenti, presenze turistiche, risorse per programmi di alto spessore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Istituzioni unite- Dunque, Provincia, Regione, Comune di Perugia e Comune di Assisi uniti assieme in una Fondazione non certo “ accademica “, ma operativa, in vista delle più vicine tappe : il 2014, con la preselezione dei progetti presentati dalle realtà che si candidano a Capitale Europea della Cultura; il 2015, con la notifica della candidatura alle istituzioni europee da parte dello Stato membro”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento