Se anche i politici ci cascano..."Acqua calda in bocca per uccidere il virus". L'esperta: "Assurdità"

Il metodo rilanciato sui social anche in Umbria e poi diventato virale sulle chat. Nessun valore scientifico..

Circola sulle chat, circola sui social e purtroppo anche esponenti politici ne stanno avallando la valenza medica: "rimedio già usato in cina" "mi è stato confermato da alcuni medici (quali? boh..) cosi dicono e scrivono. Ma l'acqua calda o bevande calde assunte e tenute a lungo in bocca purtroppo non sono il rimedio per il conavirus. Il non rimedio consigliato è il seguente: "bere acqua calda, perché il patogeno muore a 26-27 gradi mentre va evitato di bere liquidi con dentro del ghiaccio ('amico' del virus)".

Alla influente agenzia di stampa AdnKronos una vecchia conoscenza dell'Umbria, Susanna Esposito, presidente dell'Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici (Waidid) e professore ordinario di Pediatria all'Università di Parma, ha smontato tutte le chiacchiere da bar e da politici:  "La soluzione dell'acqua calda è un'assurdità, forse frutto dell'idea che con il caldo si tende a ridurre la diffusione di molti patogeni respiratori. Piuttosto, è bene lavare accuratamente e spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ricordare che se non si hanno sintomi respiratori non ha senso indossare la mascherina. In caso contrario sì, perché si proteggono gli altri". C'è chi teorizza di stare al sole il più possibile per evitare e sconfiggere il coronavirus: "Stare al sole fa bene perché aumenta la sintesi di vitamina D, ma contro i coronavirus non ha effetto. Mentre il fatto di stare all'aperto riduce, in effetti, il rischio di contagio che invece aumenta nei luoghi chiusi e affollati, ma questo per tutti i virus".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento