menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si innamora perdutamente e l'accompagna tutti i giorni al lavoro, ma lei è una prostituta

Ora l'uomo rischia un processo per favoreggiamento. In auto, oltre "all'amata", accompagnava anche una sua amica

E' finito alla sbarra con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione, un cittadino incensurato di 63 anni residente nell'Altotevere. Dopo aver conosciuto una ragazza straniera, molto più giovane di lui, se ne sarebbe invaghito al punto di essere disposto anche a scarrozzarla in auto, andarla a prendere a casa ed accompagnarla alla postazione dove era solita svolgere la sua "attività", lungo una strada statale nell'eugubino. Ma durante un controllo, fu beccato dalle forze dell'ordine e per lui scattò una denuncia per favoreggiamento.

Ora per l'uomo è pendente un decreto di rinvio a giudizio: i fatti contestati risalgono al periodo che va da fine 2014 ai primi mesi del 2015; oltre alla giovane, di cui si sarebbe invaghito, avrebbe accompagnato anche l'amica della donna, entrambe prostitute, ma per la pubblica accusa "avrebbe favorito, con più condotte, la prostituzione delle due donne". 

L'imputato - difeso dall'avvocato Salvatore Cavuoti - si è sempre professato innocente, ammettendo di essersi invaghito della giovane e che - pur di starle vicino - sarebbe stato disposto anche ad andarla a prendere e accompagnarla. La vicenda, sbarcata oggi in aula dinanzi al gip, è stata rinviata per poter riunificare sotto un unico procedimento gli episodi contestati all'imputato, reiterati in due distinti periodi. Si torna in aula a ottobre. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento