menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un sogno lungo 444 anni diventerà realtà: firmato l'accordo per la statizzazione dell'Accademia

Finalmente siamo alla sottoscrizione di un accordo di programma, col ministro Miur Valeria Fedeli: atto preliminare alla statizzazione

“Un sogno lungo 444 anni”, tanti ne sono passati dalla fondazione dell’Accademia del Disegno, poi divenuta “di Belle arti”, prima di una necessaria statizzazione. Dice, paradossalmente, l’avvocato Mario Rampini, presidente della Fondazione Accademia Pietro Vannucci. Finalmente siamo alla sottoscrizione di un accordo di programma, col ministro Miur Valeria Fedeli: atto preliminare alla statizzazione.

Dopo tribolazioni economiche che hanno indotto l’Aba perugina a fare di tutto: perfino a vendere le statue. Il ministro sgrana gli occhi e non capisce: c’è chi le spiega che si tratta delle copie in bronzo delle mirabilia della Vannucci (“Tre Grazie” canoviane e quant’altro), vendute ai Cinesi di Hong Kong per ripianare i bilanci in affanno. 

Pronta la bozza di statuto che ricalca quello delle accademie statali. Affinché non solo Perugia, ma l’intera Umbria, siano pronte a passare il Rubicone. Il sindaco Andrea Romizi parla di giornata densa di entusiasmo e di emozione. Nando Mismetti dice: “Conosco i vostri problemi, ma non vi angoscerò con quelli, e sono tanti, della Provincia”.

Non senza aggiungere una convinzione che è di tutti: “È questa della statizzazione la ricetta vincente. Per quanto riguarda la Provincia, posso assicurare che gli spazi in via del Tornetta sono fin d’ora a vostra disposizione”. Già, perché nell’attuale sede, tra terremoto e smottamenti (e tanti cantieri aperti), le aule e i laboratori non bastano e occorrerà migrare altrove, almeno in parte.

Anche la Marini, presidente della Giunta regionale, parla di auspicabili certezze e del grande futuro che attende l’Aba perugina. Al ministro il compito di rassicurare, di disegnare un radioso futuro per le accademiche storiche, dopo qualche incertezza sui dati, imprecisi per difetto, a lei forniti sul numero degli studenti iscritti. “Questo di Perugia è il primo accordo, siglato con le accademie storiche: toccherà poi a Genova e Verona”. Quindi visita in gipsoteca e partenza per Roma. Una giornata storica, quella odierna: da iscrivere a lettere di bronzo sul portone del complesso conventuale di San Francesco al Prato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento