rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Tuoro sul Trasimeno

Costruisce una piscina abusiva nei boschi di Tuoro sul Trasimeno: condannata

La proprietaria del terreno aveva trasformato una vasca per la raccolta di acqua in funzione antincendio senza permessi

Costruisce una piscina abusiva in mezzo ai boschi attorno a Tuoro sul Trasimeno, bloccata dalla Soprintendenza, dal Comune e, infine, dal Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria.

Una signora, difesa dagli avvocati Mario Rampini e Marta Polenzani, ha fatto ricorso al Tar contro il Ministero dei Beni e le attività culturali e del turismo, in persona del Ministro pro tempore, la Soprintendenza Archeologica, belle Arti e paesaggio dell’Umbria e il Comune di Tuoro sul Trasimeno, chiedendo l’annullamento degli atti con i quali le sarebbe stato impedito di trasformare “una vasca per la raccolta delle acque piovane meteoriche, completamente interrata, ai fini antincendio” in una piscina lunga 12 metri e larga 4.

Il terreno su cui realizzare la piscina si trova immerso nelle “aree boscate” della zona che “costituiscono quadri naturali e panoramici godibili dai punti di vista accessibili al pubblico già tutelati ed offrono punti di vista accessibili al pubblico dai quali punti di vista è possibile godere le splendide visuali del Lago Trasimeno”.

La ricorrente, però, non ha chiesto “il rilascio di un’autorizzazione paesaggistica in funzione di un intervento edilizio progettato e non ancora avviato, bensì l’accertamento postumo della compatibilità paesaggistica di un manufatto già compiutamente realizzato”. E in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico non si può fare e il “fatto compiuto” non è sanabile, con tanto di obbligo di ripristinare lo stato dei luoghi. Da qui il rigetto del ricorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costruisce una piscina abusiva nei boschi di Tuoro sul Trasimeno: condannata

PerugiaToday è in caricamento