menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Flaminia più sicura da Terni a Spoleto, firmato accordo Regione-Anas

E' stato siglato oggi l'accordo per la messa a nuovo del tratto Spoleto-Terni. Tra i firmatari: Regione, Camera di commercio, Fondazioni delle Casse di Risparmio di Terni e Spoleto. A finanziare i lavori saranno proprio quest'ultimi

A due anni dalle elezioni le promesse da mantenere sono ancora tante. Ma un passo avanti la Regione Umbria lo ha fatto. Un accordo importante quello firmato, questa mattina, 12 novembre, dalla presidente della Regione, Catiuscia Marini, dal presidente della camera di commercio, Enrico Cipiccia, e dal Capo del Compartimento ANAS, Raffaele Spota. Un accordo che prevede la messa in sicurezza del tratto Terni-Spoleto, affinché via sia una viabilità sicura e scorrevole.

I lavori interesseranno nel particolare la strada statale 3 Flaminia, dal km 104+000 al km 111+500, dove i mezzi pesanti hanno difficoltà a transitare. Una strada ritenuta importante soprattutto per il collegamento del territorio spoletino con l’autostrada A1 e del territorio ternano con l’aeroporto di Perugia “San Francesco di Assisi”. Previsti inoltre interventi per l’eliminazione delle viziosità planoaltimetriche dell’intero tratto, la soppressione degli incroci a raso, l’adeguamento dell’intero tratto alle nuove norme. I tempi di esecuzione e le modalità di finanziamento saranno decisi di comune accordo tra Anas e Regione.

La governatrice Marini ha voluto sottolineare, insieme all’assessore Rometti, presente anche lui oggi, come l’accordo “si mette in un punto fermo nella definizione del percorso che inserisce la realizzazione di questi interventi nell’ambito della programmazione regionale, e consente così di avviare anche le procedure per recuperare le necessarie risorse”. Intervento anche da parte del presidente della Camera di Commercio Cipiccia: “Importantissimo il miglioramento della Flaminia in questo tratto. Per tale ragione la Camera di Commercio e le Fondazioni Casse di risparmio hanno voluto farsi carico di finanziare il progetto preliminare. Per il capo invece del compartimento ANAS, Spota, l’accordo sottoscritto è frutto della “positiva collaborazione” tra istituzioni ed enti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento