menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal 19 gennaio a Perugia (e poi in tutta l'Umbria) scatta il numero unico e solo per l'emergenza; il 112

Addio dunque al 118 (pronto soccorso), 115 (vigili del fuoco) e il 113 (polizia)

Tra meno di 24 ore Perugia e una parte della provincia (quella che risponde al distretto telefonico 075) avrà un numero unico per tutte le emergenze: sicurezza, medica, in caso di incidendio. E' la svolta del numero unico europeo che si estenderà nei prossimi giorni a tutta la regione. Addio dunque al 118 (pronto soccorso), 115 (vigili del fuoco) e il 113 (polizia). Per chiamare un'ambulanza, le forze dell'ordine o il pronto intervento dei vigili del fuoco si dovrà chiamare il Numero Unico di Emergenza europeo 112.

Il numero unico (ribadiamo 112, per abituarci a questa piccola rivoluzione) inizierà a funzionare il 19 gennaio a Perugia ed Orvieto (ovvero per i distretti con 075 e 0763), dal 26 gennaio 2021 Terni – Foligno - Spoleto (distretti 0744, 0742, 0743).  Il numero unico europeo 112 si può chiamare da rete fissa, mobile, sms, app, alert automatici ed eCall. È accessibile per le persone diversamente abili, garantisce assistenza in più lingue con interprete. Tramite l’app “112 Where areU” (download gratuito e fortemente raccomandato, possibile da App Store e Google play”) si avrà una localizzazione geografica immediata e precisa di chi chiama, cruciale per gestire i soccorsi, senza rischi di errore dovuti all’inevitabile concitazione del momento.

Una piccola grande rivoluzione la cui gestione sarà condivisa da Umbria e Marche che hanno unito le proprie squadre per gestire la Centrale Unica di Risposta (CUR) cui confluiranno tutte le telefonate d’emergenza che servirà complessivamente oltre 2.400.000 abitanti. Le attività della CUR 112 Marche – Umbria saranno assicurate da 44 operatori che risponderanno alle esigenze dei cittadini 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno. Complessivamente, la Centrale svolgerà il servizio per 19 centrali della Polizia di Stato, 27 dell’Arma dei Carabinieri, 6 dei Vigili del Fuoco e 5 Centrali dell’emergenza Sanitaria. Un ruolo rilevante nell’organizzazione del servizio NUE 112 è svolto dalle Prefetture/UTG dei capoluoghi di regione (Ancona e Perugia), attraverso il raccordo organizzativo ed il monitoraggio delle attività tra le componenti del Ministero dell’Interno che afferiscono alla Centrale Unica di Risposta e quelle dell’emergenza sanitaria.

Il numero unico europeo 112 si può chiamare da rete fissa, mobile, sms, app, alert automatici ed eCall. È accessibile per le persone diversamente abili, garantisce assistenza in più lingue con interprete. Tramite l’app “112 Where areU” (download gratuito e fortemente raccomandato, possibile da App Store e Google play”) si avrà una localizzazione geografica immediata e precisa di chi chiama, cruciale per gestire i soccorsi, senza rischi di errore dovuti all’inevitabile concitazione del momento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento