menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Blog di Franco Parlavecchio - Omicidio Meredith, Perugia guarda avanti: è tutta un'altra città

Dieci sono gli anni trascorsi dall’omicidio di Meredith Kercher. A seconda di come li si guardi, sembrano ieri o un secolo fa, tuttavia oggi Perugia è un’altra città. L'episodio di via della Pergola non ha cambiato solo la vita delle persone coinvolte e quella dei loro affetti ma è stato un punto di non ritorno.

Indipendentemente dalla gravità dei fatti, dagli innocenti e colpevoli e dall’aspetto giudiziario che comunque non ha restituito al mondo una bella immagine dell’Italia, da quel momento Perugia non è stata più la stessa, o forse si è resa conto di essere già cambiata.
In un attimo la cittadina tranquilla, almeno in apparenza, si è trasformata nell’immaginario collettivo in una falsa città dello sballo, addirittura per qualcuno la capitale della droga. Una trasformazione che l'ha portata all'abbandono da parte di molti studenti stranieri che ne sentivano parlare in modo poco positivo.

Anche il tema della sicurezza ha cominciato ad essere oggetto di una sensibilità diversa da parte dei cittadini; le istituzioni ci sono arrivate con qualche anno di ritardo, colpevoli di una cultura politica che spesso ha sottovalutato il problema.
Credo sia stato l’inizio di un regresso, almeno percepito, che ha persino portato al cambiamento di colore politico nella gestione dell’amministrazione cittadina, dopo ben 68 anni vissuti nella stessa direzione.
È ben noto che l'immagine cucita addosso a questa città abbia comunque stimolato la presenza diffusa dello spaccio di droga. Un problema reale, se pensiamo che gli spacciatori sono direttamente proporzionali ai consumatori. È questo uno dei fattori che ha influito sull’abbandono del centro storico da parte delle famiglie; il cuore della città aveva smarrito tutto il suo fascino e la sua tranquillità.

E’ come se quel giorno fosse iniziato l’anno zero: un processo involutivo che la classe dirigente ha vissuto troppo distrattamente, forse perché personalmente poco toccata dal cambiamento, incurante di quanto quel cambiamento abbia invece influito sulle vite dei cittadini.
Oggi le istituzioni, a dieci anni di distanza da quel terribile evento, non ricordano. Si fa finta di niente e gli stessi perugini sembrano distratti o forse volontariamente disattenti, continuano le proprie vite mostrando una straordinaria resilienza.
Nessuna mancanza di rispetto per la tragedia, seppure l'oblio potrebbe sembrarlo, eppure, anche se c’è molto da fare, avverto un risveglio di orgoglio civico che non vive di appartenenze ma solo di voglia di ripartire.
Anche quel casolare dell’omicidio di Meredith ha perso il fascino della curiosità nera che avvicinava turisti e fotografi. Anche quello è cambiato per tornare alla normalità, ci sono tende alle finestre e un tavolo da pranzo sotto il portico. Cancella e riavvolgi. Riparti.

I drammi non si possono eliminare dalla storia ma Perugia dimostra di guardare avanti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Motori

Nuova Jeep Compass ora anche a Perugia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento