rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

PERUGINERIE Giornata mondiale dell’obesità che per noi è ‘grassezza’

Con una poesia di Claudio Spinelli

Ieri, 4 marzo, ricorreva il World Obesity Day, la Giornata Mondiale dell'Obesità, istituita nel 2015 dalla World Obesity Federation.

Lo scopo non è solo quello di prevenire le tante malattie connesse a questa condizione diffusa nel mondo.

Ma la giornata ha anche lo scopo di sensibilizzare cittadini e istituzioni allo scopo di evitare discriminazioni, pregiudizi e anche l’uso ricorrente di un linguaggio stigmatizzante a carico delle persone che vivono tale esperienza.

Venendo alla nostra identità di perugini e al nostro geist linguistico-antropologico, ricordo che Claudio Spinelli era un uomo, come diciamo a Perugia, ben messo. Intendendo per tale una persona non grassa, ma di una certa imponenza. Di robusta costituzione, insomma.

Appartiene alla verità storica della sua famiglia il matrimonio di sua figlia Fabiana col medico Giovanni Ciribifera.

Ora, essendo il genero dietologo specializzato, mise a dieta tutta la famiglia che, a suo dire, superava gli  standard consigliabili per una condizione salutare.

E Claudio gli dedicò questa poesia che, con umorismo sornione, tutto perugino, riferisce a suo modo la vicenda.

LE DIETE

’L mi gèn’ro Giovani ch’è dottore / s’è misso ’n tla tèst’ultimamente / che ’n tra tutt’i malanni ’l più peggiore / è quil’de la grassezza de la gente / sicché ta i su’ clienti, disgrazziati, / je fa le diete da murì afamati // ’N famìja ch’èrme tutti rotondotti / adè che lu’ cià misso sotto cura / a forze de le diete, sém’ardottti / alampanati che facén’ paura. / C’évo ’na pianta grassa ’n tó na scina, / ha ’nsecchìt’anche quilla, porellina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PERUGINERIE Giornata mondiale dell’obesità che per noi è ‘grassezza’

PerugiaToday è in caricamento