rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Via Annibale Vecchi nel mirino dei writers

Imbrattati muri, serrande, per danni da migliaia di euro

Hanno cominciato dalla rotatoria Vittime della Mafia. E, giù giù, fino al Bar Modugno e oltre.

Sono due giovani scriteriati, armati di bombolette.

Esistono, e sono a disposizione degli inquirenti, le registrazioni che li effigiano in modo inequivocabile.

Sono vestiti di k-way, dato che stanotte pioveva.

Uno dei due è perfettamente riconoscibile: porta i baffi e occhiali a goccia anni Ottanta.

Parlano, anche, in italiano. Addirittura in perugino.

Hanno agito indisturbati, malgrado circolassero le macchine che li rendevano visibili. Nessuno si è fermato né ha avvertito.

La brutta sorpresa dei negozianti stamane all’apertura. Tanta rabbia.

Alla gioielleria Cicchi hanno agito tra le 2:09 e le 2:15. Imbrattando tutte e quattro le serrande. Poi alla macelleria Santa Croce e via sporcando.

Sono dotati di “senso estetico”. Le serrande bianche le hanno imbrattate di nero. Quelle nere, di bianco.

Già nelle settimane scorse alcuni imbrattatori (non necessariamente gli stessi) avevano sporcato di rosso alcuni esercizi.

Hanno battuto sistematicamente. Alla tappezzeria Bisello non hanno fatto salvi nemmeno i muri e le colonne recentemente ritinteggiate.

Insomma: un flagello che costerà parecchi denari per riportare serrande e muri al pristino stato. Ma – si chiedono i negozianti – ne vale la pena? E se poi ricominciano?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Via Annibale Vecchi nel mirino dei writers

PerugiaToday è in caricamento