rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO San Bevignate. Come ti abbandono al degrado un bene storico-archeologico

Reperti invasi dalle erbacce, mosaico sollevato dalle radici. C’è un grande prato verde… scandaloso

Ma non è Un mondo d’amore di Morandi. Si direbbe piuttosto di assoluto disamore. Perfino di odio. O, quanto meno, di mancato rispetto. Il che suona come tutta un’altra musica. Altro che canzonette!

Lo stato di colpevole abbandono ed esecrabile degrado mi è stato segnalato da Lorena Rosi Bonci, già funzionaria del Comune di Perugia, amante della città e redattrice della più bella guida di trekking cittadino (Perugia nascosta. Camminare per vicoli), realizzata al tempo dell’assessore Ilio Liberati.

Anche se ormai libera dal lavoro, Lorena è dotata di una sensibilità e di un attaccamento ad ogni pietra (o tessera) della Vetusta da avvertire l’impegno, civico e morale, di denunziare pubblicamente trascuratezze e inadempienze che rechino disdoro o danno alle nostre emergenze storico-artistiche di profilo identitario.

Questo tutt’altro che romantico angolo verde è stato da lei intercettato (e fotografato, a incontestabile documentazione e a futura memoria)  tra i reperti archeologici della domus romana, I sec. a. C., portati alla luce, e mal conservati, sotto la ex-chiesa di San Bevignate. L’edificio sacro templare di proprietà comunale.

La fullonica del I a.C. Durante gli scavi del 2007-2008, fu individuato, nelle viscere della chiesa, questo complesso sistema di vasche comunicanti e canali di scolo. La presenza di pigmenti colorati induce a pensare che potesse trattarsi di una lavanderia-tintoria, ossia quella che veniva definita fullonica. Insomma un’officina di fulloni, ossia di addetti al compito di lavare, smacchiare, tingere indumenti. Almeno per la “Perugia bene”, ossia le famiglie etrusco-romane, nobili e borghesi, più in vista dell’epoca.

La stessa fullonica fu creata sul sito di una domus romana risalente al I secolo avanti Cristo. Dalla sua demolizione sarebbe derivata la lavanderia.

Della domus preesistente resta un mosaico a clessidra. Della casa antecedente si è conservata una piccola porzione di mosaico con motivo a clessidre. Non una grande opera d’arte, ma una cospicua testimonianza dell’età romana, databile a qualche decennio prima della nascita di Cristo.

Il grande prato verde. Lo scandalo principale consiste proprio nel fatto che l’umidità e l'assenza di manutenzione hanno assecondato la crescita di una rigogliosa vegetazione, sia tra i ruderi che sul mosaico romano, provocando il rigonfiamento, e conseguente distacco, delle tessere musive.

Pec al Comune… senza risposta. A seguito di questa constatazione, per segnalarla a chi di dovere, Lorena ha inviato una raccomandata al Comune di Perugia con posta certificata, confermata in data 3.11.23, prot. GE 0252426, senza aver – fino alla data odierna  – ricevuto risposta alcuna.

La Soprintendenza dice: controlleremo. Stessa segnalazione è stata rivolta al funzionario delegato della Soprintendenza che ha risposto di voler verificare, ringraziando.

Certo che la situazione è tale da richiedere un intervento immediato, efficace e risolutivo.

Foto - Scandalo e abbandono a San Bevignate

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO San Bevignate. Come ti abbandono al degrado un bene storico-archeologico

PerugiaToday è in caricamento