rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Quei negozi chiusi in via Cartolari, ricettacolo d'immondizie

Il Comune dovrebbe invitare i proprietari a custodirli

La zona – grazie soprattutto all’Associazione Fiorivano le Viole – ha recuperato funzioni e dignità. Via della Viola è vivace, con iniziative di aggregazione, poli di ristorazione e spettacolo.

La stessa via Cartolari è in ripresa, con arte, cultura, associazionismo, socialità.

Restano però dei buchi neri che sarebbe il caso di colmare. Restituendo una facies accettabile a questo storico segmento della città.

Un esempio che ci è stato segnalato, e abbiamo verificato, riguarda un immobile al civico 7.

C’era un tempo un negozio e vi si sono alternate varie attività. Ormai da anni, quella serranda è abbassata. Attraverso le sue maglie vengono gettate immondizie di vario genere.

Ci si fa notare che, in adiacenza, si trova l’abitazione in cui visse il grande architetto perugino Galeazzo Alessi.

Lo testimonia una lapide affissa sopra il portone. Che recita:

“QUESTA CASA ABITÒ GALEAZZO ALESSI, ARCHITETTO PERUGINO IL QUALE DI SPLENDIDI EDIFIZI MOLTE CITTÀ D’ITALIA ORNATE VENNE IN GRAN FAMA ONDE L’ARTE SUA FU DESIDERATA ALL’ALTRE GENTI MASSIME IN SPAGNA OVE CHIAMATO LA SECONDA VOLTA PER LA FABBRICAZIONE DEL MARAVIGLIOSO ESCURIALE IN QUELLO CHE AL PARTIRE SI DISPONEVA PRESO DA MALATTIA CESSÒ DI VIVERE IN PATRIA L’ULTIMO GIORNO DELL’ANNO MDLXXII”.

Per non dimenticare. I resti umani dell’Alessi riposano nella chiesa sottostante di San Fiorenzo (oggi in concessione alla comunità rumena).

A nome e memoria dell’architetto è intestata la via che conduce da piazza Matteotti in via Cartolari (via Alessi, appunto).

Anche un liceo scientifico cittadino ne ricorda il nome.

A poche centinaia di metri sta una realizzazione dell’Alessi, ossia il campanile di Santa Maria Nuova (peraltro bisognoso di restauro).

Nell’acropoli, in via Mazzini (già “del Mercato”), esiste il Centro Camerale Galeazzo Alessi.

Basta alzare la testa, all’altezza di via Mazzini, per vedere una graziosa balaustra dell’Alessi, con cui il Palazzo dei Priori si protende verso piazza della Repubblica.

E vi pare poco?

Foto - Quei negozi chiusi in via Cartolari, vicino alla casa dell'Alessi

(Foto esclusive Sandro Allegrini)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Quei negozi chiusi in via Cartolari, ricettacolo d'immondizie

PerugiaToday è in caricamento