rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Parcheggio del Pellini. Fa la fila per entrare? No, grazie. Sto qui a impicciare!

Quando la fila di chi attende studenti e scolari impedisce l’accesso al parcheggio

Un errore che avevamo segnalato. Quello di aver spostato l’accesso in prossimità della curva e di non aver accettato l’idea proposta dalla Sipa: ossia di differenziare, con la creazione di un diverso punto di accesso e di uscita, istituendo il senso unico.

INVIATO CITTADINO Lavori al Parcheggio del Pellini. Cambiamenti in atto, ma si poteva fare meglio

Si è invece voluto mantenere accoppiate entrate e uscita, generando una contiguità scomodissima e paralizzante.

Senza contare gli abusivi della sosta: gente che si ferma sulla corsia destinata alle vetture in procinto di entrare, ma trovano la corsia occupata.

Corsia impegnata da chi? Ma, naturalmente, dalle auto di parenti e familiari in attesa dell’uscita degli studenti delle scuole situate a monte. Ci riferiamo alle elementari Fabretti e agli studenti del liceo classico Mariotti, sede centrale e succursalina (i tre livelli della sede staccata di via degli Sciri).

È ormai abitudine inveterata quella di aspettare in quel punto il suono della campanella per riportare a casa figli e nipoti, risparmiando i tempi morti del servizio pullman. I ragazzi scendono dalla scala mobile e salgono sulla vettura che li aspetta.

Familiari che potrebbero usufruire del quarto d’ora di sosta gratuita, concessa proprio a chi è in attesa di bambini e ragazzi.

Alla domanda sul perché non entrino, si risponde “Perché poi devo fare la fila per uscire”. Roba da non credere!

È facile individuare le macchine abusive: dato che alcune hanno il frontale della vettura direzionato non verso l’entrata del parcheggio, ma dal lato opposto, ossia verso la galleria Kennedy.

Sta di fatto che chi proviene dalla zona Galleria Kennedy e intende parcheggiare, si trova davanti la fila di quelli che aspettano e che non sloggiano, perché non intendono entrare nel parcheggio a pagamento. Ma, così facendo, impediscono il passaggio a chi voglia entrare.

Più volte abbiamo visto, e fotografato, le difficoltà di un pullman stretto fra i veicoli fermi, in sosta vietatissima, e coloro che provenivano da viale Antinori e viale Pellini. Un ingorgo immobilizzante.

In precedenza, con l’entrata vicino alle scalette della Canapina, l’abuso si verificava ugualmente, ma i parassiti della sosta occupavano il rientro con lo slargo, destinato alla sosta dei bus, davanti alla pensilina. Insomma: in qualche modo si poteva procedere.

Ora siamo al redde rationem e si spera che l’evidenza induca quanti hanno scelto l’attuale posizione, scomodissima e inadeguata, a tornare sui propri passi e individuare la soluzione più favorevole. Ossia quella dell’entrata al parcheggio vicino a Porta Santa Susanna con uscita in prossimità della Canapina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Parcheggio del Pellini. Fa la fila per entrare? No, grazie. Sto qui a impicciare!

PerugiaToday è in caricamento