rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Lieb, ama! Biblioteca del Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria

Uno spettacolo che ha coniugato arti figurative, canto, musica, poesia

La pianista Sabina Belei, il soprano Francesca Bruni, l’attore Stefano De Majo. Un tris di sicuro effetto.

Il progetto “Lieb, ama!” (ci dice Francesca) consta di 12 pezzi, venuti alla luce, uno al mese, a far capo dal 14 febbraio 2023. Ponendo la parola fine col 14 febbraio 2024. Ed ora ai nastri di partenza per una tournée che si dipanerà nell’anno in corso e poi ancora.

Autori come Poulenc, Fauré, Mendelssohn, Mozart, Schumann, Mahler, Richard Strauss. Per chiudere con un pezzo scritto a quattro mani da Enrico Bianchi e Sabina Belei, coppia in arte e nella vita.

I momenti sono stati scanditi da step musicali intervallati da letture poetiche. Di notevole impatto emotivo perché interpretati con studiata naturalezza  da un grande attore.

Quali i poeti proposti da De Majo? È stato svelato alla fine dal regista, attore, scrittore ternano che ha dato vita a momenti di recitazione di grande intensità. Ebbene: i brani poetici, che sono partiti con un pezzo di ascendenza shakespeariana, hanno posto sotto i riflettori Stefano a declamare una specie di scena ‘sotto il balcone’ del Giulietta e Romeo.

Insomma: i testi, recitati con potenza e sapienza, altro non erano che le parole dei pezzi musicali proposti.

I brani (tranne quello in chiusura) tutti in lingua straniera, principalmente tedesca, per cui ha fornito amichevole consulenza di corretta pronuncia Christa Bützberger, punta di diamante dell’Associazione musicale Ars et Labor.

La performance è stata accompagnata dalla proiezione di opere pittoriche di Aurelio Bruni (che scopriamo essere il padre della splendida Francesca), pittore a forte vocazione figurativa, ascrivibile alla corrente del realismo magico. Creature del mondo animale e vegetale, prospettive naturalistiche più vere del vero, filtrate attraverso una chiave onirica, che trascina in una dimensione capace di saldare reale e immaginario in fascinosa  diegesi. La prefigurazione di una fantasia in volo insieme alle note di Sabina e agli slalom vocali sul pentagramma di una Francesca in stato di grazia.

L’evento è stato apprezzato da un pubblico numeroso e partecipe. Un sold out che ha escluso l’ingresso di un pubblico superiore alla capienza della pur vasta Biblioteca.

Un successo – preme dirlo – dovuto alla lungimiranza della direttrice Tiziana Caponi che, fin dal suo insediamento, ha optato per un MANU aperto alla città.

Foto - "Lieb, ama!". Alla Biblioteca del Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria

(Foto esclusive Sandro Allegrini)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Lieb, ama! Biblioteca del Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria

PerugiaToday è in caricamento