rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO La Tavola Calda ‘Osteria del Turreno’ di piazza Danti prosegue la propria mission. Rumor smentito

... e Nanni sempre impegnato ai fornelli

Tutto tace. Malgrado le tante voci che la davano per pronta alla dismissione. 

Se ne parla da tempo. Ma i rumors vengono smentiti.

Il titolare di quella storica attività di ristorazione ha sulle spalle decenni di onorato servizio. Con piatti e golosità apprezzate dai perugini e non solo.

Il titolare è Nanni, un mio compaesano, al quale ho più volte chiesto (inutilmente) di fare chiarezza sulla cessione o meno della sua attività. O meglio dello spazio fisico della sua “bottega culinaria”. Un luogo in cui non solo si mangia, ma si va a prendere ghiottonerie d’asporto e si viene accolti col sorriso.

Nanni è una sfinge: non parla d'affari. Malgrado l’antica amicizia, anche col suo babbo che fu prima “pollarolo”, poi barista di Mercatale di Cortona, uomo simpatico e dalle mille risorse. 

L’età e l’amore per la terra, il bosco, la campagna (che possiede in località San Martino, frazione del Comune di Lisciano Niccone) potrebbero ragionevolmente indurlo a cedere le armi dei fornelli e fare come Cincinnato, o Garibaldi a Caprera.

Ma lui si accontenta di andare su al paese, stare sul suo e godere dell’aria salubre di quel luogo.

Si cominciò a parlare di eventuale cessione a favore dell’attiguo Caffè Turreno, perché questo avrebbe potuto allargarsi e trovare spazi utili ad espandere la sua fiorente attività.

Ma poi c’è stata l’operazione Accademia, coerente con la vocazione dolciaria dell’azienda. E questo ha annullato il precedente progetto.

Che sia un’operazione semi-annunciata e rinunciata? Certamente sì. E Nanni? Sempre sul pezzo, a testa bassa. Anzi, “alta”, con la dignità e l’orgoglio del suo lavoro.

PS. APPELLO AL SINDACO ROMIZI. Nanni è un personaggio generoso, lavoratore infaticabile, amatissimo dalla città. Ci ho parlato stamane. Come sempre, era attivo ai fornelli. Credo di non peccare di presunzione, se mi permetto di sollecitare un atto che troverebbe un consenso incondizionato fra i cittadini della Vetusta. È troppo chiedere di riconoscere i meriti di una persona come Nanni? Non è, per caso, che c’è rimasto un Baiocco nei cassetti del Comune?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO La Tavola Calda ‘Osteria del Turreno’ di piazza Danti prosegue la propria mission. Rumor smentito

PerugiaToday è in caricamento