rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Il Borgo Bello celebra un felice connubio tra fede, tradizione, storia e identità

E premia Gianni Caponi, fiero esponente dell’arte della falegnameria artigiana borgarola

Chiesa di San Giuseppe al Crocevia. Festa di san Giuseppe Falegname che si apre con la celebrazione liturgica, alle 10:00, officiata dal vicario vescovile don Simone Sorbaioli.

Alle 11:00, la presentazione storico-artistica dell’antica chiesa, scrigno prezioso di affreschi, scritte, architetture e sculture d’antan. Un’esposizione in grado di suscitare un sicuro interesse. Come è già avvenuto in passato.

A seguire, la lettura delle linee generali, emanate dalla CEI, in vista della ricostituzione dello Statuto della Confraternita di San Giuseppe. Che radica nell’antico ed è in procinto di essere rigenerata da Ambrosi e altri residenti.

Alle 12:00 consegna di una targa allo storico artigiano falegname Gianni Caponi che mantiene in vita una antica bottega nell’ex Spedale dei Pellegrini. La scritta, amichevole e affettuosa, recita: “19 marzo, San Giuseppe falegname. Il Borgo Bello omaggia la sua gloria di quartiere Gianni Caponi che… santo non è, ma artigiano-artista sì”.

L’iniziativa fa capo a Orfeo Ambrosi, instancabile promoter di corso Cavour e dintorni. Oltre che responsabile della guardiania della chiesa. Aperta nei giorni di martedì e venerdì, dalle 8:00 alle 12:00. Liturgia ogni martedì alle 10, celebrata dal parroco di San Domenico.

Sarà anche l’occasione per gustare le frittelle omonime del Virgineo Sposo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Il Borgo Bello celebra un felice connubio tra fede, tradizione, storia e identità

PerugiaToday è in caricamento