rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Grazie, signori dei Baracconi. È stata una giornata indimenticabile

Lettera di ringraziamento da parte di Giorgio, ragazzo disabile che vive nella Comunità alloggio della Capodarco di Perugia

Ricevo questa nota toccante, trasmessami dalla presidente della Comunità Capodarco Perugia Francesca Bondì. Ritengo si tratti di una testimonianza da proporre ai lettori. L’esperienza si riferisce alle due mattinate nel corso delle quali le persone disabili hanno potuto fruire gratuitamente dei giochi e dei divertimenti proposti dal Luna Park al Pian di Massiano.  

"Ieri mattina, 8 Novembre, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, diverse persone con disabilità che abitano nelle varie strutture dell’Umbria sono andate alle giostre di Perugia (Baracconi), accolte in maniera gratuita. Tra queste c’ero anch’io con i miei amici e altre persone che non conoscevo.

Tra i volti nuovi, per l’appunto, c’erano anche i ragazzi di Panicale, Umbertide e altre parti.

Alcuni giochi mi facevano paura solo a vederli e non ci sono salito sopra. Persino il “topo burlone”, vicino al quale sono stato fotografato, mi terrorizzava alla sola vista.

Tra le giostre fatte, ricordo il trenino fantasma (con foto ricordo scattata da Andrea), gli autoscontri con i miei amici e gli operatori. È molto carino anche il “tronco galleggiante”. In realtà era un giochino con dell’acqua intorno: si saliva su un tronco d’albero; ci si accomodava in due (uno davanti ed uno dietro). Chi stava davanti si bagnava quando si prendeva velocità sui binari (ma non ci si bagnava poi così tanto). Il tutto faceva ridere.

Ho partecipato volentieri, nonostante la paura iniziale. Alla mattinata mi sono divertito molto e ho guadagnato come tutti un sacchettino di dolci.

Un gioco che mi ha fatto morire dalle risate è stato il Tropicana: l’ambientazione esterna della giostra era Hawaiana, si andava su macchine che acquistavano rapidità durante il percorso, e poi alla fine si veniva coperti da un telone scuro che si sollevava automaticamente molto presto e dava la libertà ai “poveri malcapitati”.

L’ambiente che mi circondava mi è piaciuto. Ringrazio il Comune di Perugia e in particolare l’assessora  Clara Pastorelli e il signor Vincenzo La Scala, responsabile del Luna Park Perugia e tutti i giostrai che ci hanno accolti con allegria e gentilezza  per aver promosso questa iniziativa.

Spero tanto che l’anno prossimo si possa replicare. Infatti è anche stata l’occasione buona per rivedere dopo tanto tempo volti a me noti ormai dimenticati".

 Giorgio della Comunità  Capodarco di Perugia

Nessun commento. Solo una citazione da Epicuro che recita: “È un dio colui che aiuta i propri simili”. Sottolineando il valore del termine “compassione” che vuol dire, appunto, “comune sentire”. Perché il peso della vita, con la compassione, ci regala la leggerezza di un gabbiano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Grazie, signori dei Baracconi. È stata una giornata indimenticabile

PerugiaToday è in caricamento