rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO È il ‘Duo psiconautico’ l’unica vera novità della fiera in acropoli

Fiera tra alti e bassi… ma soprattutto ‘bassi’ per il commercio fisso

Spopola al Corso, tra Sandri e Forghieri, la strana coppia di suonatori on the road che propone sonorità inusuali. Dico “suonatori” per le ragioni che spiego fra poco.

Foto - Il ‘Duo psiconautico’, l’unica vera novità della fiera in acropoli

(Foto Sandro Allegrini)

Intanto una riflessione sulla fiera. Sul fronte dei prodotti proposti in corso Vannucci, poco o niente di nuovo.

Mercanzie scontate (per dire “usuali”, non “a poco prezzo”), importi oscillanti. Tra il basso di un poncho (indiano, cinese?) a 12 euro e la sfacciataggine di un formaggio (asseritamente di puro latte caprino) a 60 euro al chilo o una ricottina (sempre “asseritamente”) caprina, alla bellezza (o “bruttezza”, decida il lettore)  di ben 20 euro.

Prezzi non esposti… per non spaventare il cliente? Cominciamo col dire che nessuno, o quasi, espone – come prevede la norma – il prezzo dei prodotti in vendita (controllori, dove siete?)  e che di gente ce n’è parecchia, ma effettua acquisti di poco conto.

Commercio fisso: un buco nell’acqua. Tanto che i negozi “stanziali” lamentano la contraddizione tra folla fitta che non si cammina e i registratori di cassa congelati. Sì, qualche caffè in più, ma business… pochino. Insomma clienti – osserva Bottini, il miglior profumiere della città – “mordi e fuggi”. Pubblico di turismo povero, che non spende. Altro che i fasti del cinquantennale di Umbria Jazz!

E veniamo ai due suonatori (ché “musicisti” è forse troppo: absit iniuria verbis!). Una curiosità eccezionale per un pubblico adulto e bambino. Non solo per le sonorità inusuali e gradevoli.

Parlare di viaggio psiconautico è forse troppo. Ma certo è che quei due ragazzi tirano fuori suoni straordinari, termine inteso nel senso di “fuori dell’ordinario”.

Una strumentazione creativa. Uno dei due suona un normale contrabbasso, anche se usato in modo irrituale. Come non pensare all’indimenticabile musicista amico Fernando Grillo (che con lo strumento ci mangiava e ci dormiva)?

L’altro è un polistrumentista straordinario. Ha ricavato dispositivi sonori da tubi idraulici di plastica e pvc.

Suona un imbuto col tubo di gomma, un vibrafono con tubi metallici di disuguale lunghezza. E ancora usa corrugati da impianto elettrico, coni stradali, opportunamente modificati a realizzare una tuba tibetana,  una cassa al piede e percussore al gomito. Alla maniera di Tacca banda! Pubblico in delirio.

Per arrivare al deliquio basta sborsare 10 modesti, miserabili euro e comprare il loro ciddì. La somma è meschina, come basse sono le probabilità di raggiungere il nirvana. Ma vale comunque la pena di tentare. Hai visto mai?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO È il ‘Duo psiconautico’ l’unica vera novità della fiera in acropoli

PerugiaToday è in caricamento