rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO Buon Natale con Coco, alla scuola dell’infanzia “Piccolo principe”

Con l’aiuto dei libri che insegnano a… volare e ad avere coraggio

È stato un percorso di forte valenza educativa e didattica. Su questo concordano famiglie e insegnanti. Proprio in nome di quella comunità educante che funziona, solo e quando condivide percorsi e obiettivi.

L’iniziativa è “Ioleggoperché” nel quadro del contest del 2023, sotto il significativo brand “Un libro ti fa grande”.

Perché la lettura ha il doppio significato di tenerci ancorati alla realtà e, contemporaneamente, farci trovare la forza e la volontà di spiccare il volo, contando sulla presenza, morale e materiale, di chi ci vuole bene. E sulla forza indefettibile dell'esempio.

Questo il succo dell’input ricevuto dai bambini della Scuola dell’infanzia Piccolo Principe.

Una scuola che non ha timore di aprirsi al mondo del reale, come dimostra la proficua collaborazione con lo scultore Adriano Massettini (alias Tempus Fugit) che ha insegnato ai bambini a giocare con le mille e più forme che possono assumere la creta e la cellulosa.

Lineare il percorso che ha previsto la lettura e la drammatizzazione della storia “Coco può farcela”, scritto e illustrato da Loes Riphagen.  

I bambini hanno riflettuto, dialogando fra loro e con le insegnanti, su quali siano le loro paure e come superarle. Riferendo situazioni nel corso della quali hanno dovuto prendere il coraggio a due mani(ne) e saltare l’ostacolo.

Il tutto si è tradotto in un reale momento di crescita, passata attraverso la consapevolezza di impegni da adempiere e responsabilità da assumere.

I loro atti “coraggiosi” sono stati poi scritti nelle piume che i bambini hanno realizzato per appenderle come “medaglie” all’“Albero Coraggioso”. Una pianta che rimarrà nella scuola anche dopo le festività, ad esempio e modello di azioni virtuose. Anche quel coraggio del quotidiano che ci mette alla prova in ogni momento. Da piccoli come da grandi.

Così nuovi atti di ardimento potranno essere appesi a quell’albero, a documentazione di un impegno che deve continuare nel tempo. Non semel in anno, ma come agenda quotidiana.

La conclusione, ribadita con giochi e canzoncine, si riassume nella certezza che “tutti insieme si ha più coraggio”. Da qui il motto “Tutti per Coco, Coco per tutti!”.

Buon Natale e buon… coraggio a tutti! A casa, a scuola, con gli amici… ovunque voi siate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO Buon Natale con Coco, alla scuola dell’infanzia “Piccolo principe”

PerugiaToday è in caricamento