rotate-mobile
Inviato Cittadino

Inviato Cittadino

A cura di Sandro Allegrini

Scrittore, giornalista, curatore di mostre e direttore di collane, esperto di teatro e di cinema, cultore di lingua e storia locale. Sandro Allegrini ha pubblicato studi di arte e letteratura sulla produzione di autori locali e nazionali. Dirige collane di biografie (“Umbri”), poesia, narrativa, critica e saggistica (“Lanterne”). È autore di oltre 80 volumi di storia locale e lingua perugina, editor di testi di prosa e poesia, artefice di documentari sui rioni cittadini. Membro della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, Accademico d’onore dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, iscritto all’Ordine nazionale dei Giornalisti, è fondatore e coordinatore dell’Accademia del Dónca. Vincitore di premi nazionali per libri di carattere storico e biografico. Impossibile elencare tutte le sue opere. I volumi editi nel 2023 sono “Peppino Consalvi. Una vita a tutto gas” e “Mia zia Maria Callas dietro le quinte” (Morlacchi Editore).

Inviato Cittadino

INVIATO CITTADINO A proposito di “veggente Gisella”. Piena intesa col vescovo Salvi. Noi andiamo avanti

Parla il sindaco di Trevignano Romano Claudia Maciucchi

Primo cittadino donna di Trevignano Romano, confermata plebiscitariamente per la seconda sindacatura, piglio deciso, diffuso apprezzamento fra i concittadini.

Afferma determinata: “Dopo una prima fase interlocutoria nella quale si sono svolti incontri tra le varie Istituzioni, l’Amministrazione Comunale, a partire dall’Anno 2020, ha avviato procedimenti penali presso la Procura di Civitavecchia e Ordinanze con le quali si è ingiunto all’Associazione “La Madonna di Trevignano ETS” di provvedere alla demolizione delle opere in assenza di permesso e, contestualmente, di rispristinare lo stato dei luoghi. Il Comune di Trevignano Romano si è, inoltre, costituito nei giudizi amministrativi dinanzi il TAR del Lazio e al Consiglio di Stato promossi dall’Associazione “La Madonna di Trevignano ETS” per impugnare le suddette Ordinanze”.

Questo vostro impegno comporta un notevole dispendio di risorse e di energie, vero?

“È Vero. Abbiamo dovuto attivare tutte le procedure inerenti il caso, con la Polizia locale, con l’Ufficio Tecnico e, per quanto concerne l’attività giurisdizionale, ci siamo avvalsi della competenza dell’Avv. Gianluigi Pellegrino”.

Avete trovato disponibilità nei soggetti istituzionali?

“Totale disponibilità e sintonia con tutti gli organi Istituzionali preposti”.

E col vescovo Marco Salvi?

Anche con S.E. Rev.ma, Mons. Marco Salvi, piena disponibilità e collaborazione. Ovviamente, restando ognuno nel proprio alveo e rispettando le competenze di ciascuno.

Come stanno le cose sul piano giudiziario?

Oltre ai giudizi sopra indicati, è stato avviato, di recente, il procedimento ai sensi della legge 241/1990 con il quale il Comune ha contestato il cambio di destinazione d’uso con aumento del carico urbanistico sul terreno di proprietà dell’Associazione “La Madonna di Trevignano ETS”.

Apprezziamo il garbo e la correttezza del sindaco che, nel rapido contatto telefonico, si astiene e non si addentra in giudizi, ma si limita ad indicare le attività svolte dal Comune di Trevignano Romano. Purtroppo, l’attenzione riservata al fenomeno non giova a una comunità discreta e civilissima.

Ci piace precisare che l’attenzione con cui il nostro giornale segue la notizia è legata ad almeno tre circostanze.

La prima, relativa al nome del Comune di Trevignano. C’è infatti chi sostiene che potrebbe essere legato alla parola Trebonianum  che nella radice umbra  vale  "luogo abitato". Si pensa che un tempo gli umbri fossero stanziati proprio nella zona del lago. Personalmente avanzo anche l’ipotesi connessa all’imperatore Caio Vibio Treboniano Gallo, di Marsciano (Perugia). Difatti, lungo la cornice inferiore del fregio dell’Arco Etrusco, corre l’iscrizione, COLONIA VIBIA, che ricorda lo status di colonia, concesso alla città dall'imperatore romano di origine perugina Caio Vibio Treboniano Gallo

La seconda motivazione risiede nel fatto che Marco Salvi, attuale vescovo di Civita Castellana, è stato a lungo vicario del vescovo di Perugia, cardinale Gualtiero Bassetti, quando questi ha ricoperto l’incarico di presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Don Marco ha lasciato fra i travertini della Vetusta memorie di stima e affetto indefettibili.

La terza. Ci risulta che il documento ufficiale della chiesa, tendente a sconfessare la veggente, sia stato redatto proprio a Perugia.

Ultimora. Sigilli al terreno ed eventuale acquisizione al patrimonio del Comune. Il Comune di Trevignano Romano ci fa sapere: “Continua l’attività dell’Amministrazione Comunale iniziata ormai da alcuni anni relativamente al ripristino dello stato quo ante del terreno di proprietà di “La Madonna di Trevignano Romano E.T.S.”. La Polizia Locale, infatti, insieme all’Ufficio Tecnico in data 22.04.2024 ha posto i sigilli al terreno di proprietà dell’Associazione “La Madonna di Trevignano Romano E.T.S.”, inviando la documentazione alla competente Autorità Giudiziaria. Al contempo l’Ufficio tecnico ha avviato le procedure amministrative per il ripristino dello stato dei luoghi notificando all’Associazione “La Madonna di Trevignano Romano E.T.S.” la comunicazione di avvio del procedimento, atto preliminare e propedeutico all’emissione dell’ordinanza ed eventuale acquisizione al patrimonio del Comune”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INVIATO CITTADINO A proposito di “veggente Gisella”. Piena intesa col vescovo Salvi. Noi andiamo avanti

PerugiaToday è in caricamento