Stiamo bevendo abbastanza? Ecco i segnali che ci manda il nostro organismo per capirlo

Idratarsi è importantissimo per l'equilibrio del nostro organismo, ma troppo spesso non ce ne curiamo. Ecco i sintomi rivelatori della disidratazione

Ormai praticamente tutti hanno la consapevlezza che bere molta acqua sia fondamentale per il benessere del nostro organismo: è indispensabile per stare in salute, ma anche per mantenere la linea e indispensabile quando si praticano diete dimagranti.

Che cosa succede invece se non beviamo abbastanza? Quali segnali invia nostro corpo per farci capire che dobbiamo assumere più liquidi?

A cosa porta la disidratazione

Secondo gli esperti, dovremmo bere almeno 10 bicchieri d'acqua al giorno (2 litri circa), numero da accrescere fino a 12 nelle stagioni calde o in caso di abbondante sudorazione-

Quando invece ci dimentichiamo di assumere il giusto livello di acqua, ecco che il nostro organismo non perde tempo a ricordarcelo, mandando subito questi segnali di allarme:

  • stanchezza e irritabilità - quando il corpo è in scarsezza di liquidi il sistema nervoso è si allarma tra i primi: i neuroni, infatti, sono formati quasi completamente da acqua e hanno bisogno di rifornimenti costanti per non disidratarsi. In questi casi è necessario bere almeno due bicchieri d’acqua per ripristinare in fretta il livello di idratazione.
  • calcoli renali - se non si beve acqua a sufficienza, i reni tendono a trattenere i pochi liquidi introdotti nell'organismo e, di conseguenza, diminuisce lo stimolo ad urinare; l'urina, così, diventa più concentrata e aumenta il rischio di formazione di calcoli renali, oltre ad infezioni alle vie urinarie. 
  • abbassamento della pressione e aumento della frequenza cardiaca - una disidratazione importante, che non si risolve semplicemente assumendo liquidi, comporta la diminuzione del volume e della pressione del sangue, con conseguente aumento dei battiti cardiaci, cui si possono aggiungere anche vertigini e stanchezza.
  • colpo di calore - bere poca acqua in estate, specialmente durante l'attività sportiva o mentre ci si espone ai raggi solari, può comportare il colpo di calore: un intenso stress termico, infatti, può portare all'impossibilità del corpo a termoregolarsi. I sintomi classici che precedono il colpo di calore sono nausea, confusione, annebbiamento della vista, senso di debolezza, tachicardia e ronzio alle orecchie. 

Cosa va tenuto sotto controllo

Come possiamo capire se stiamo bevendo abbastanza per mantenere in equilibrio l’organismo? Oltre a mettere in pratica alcune regole fondamentali, tra cui assumere alimenti ricchi di acqua come frutta e verdura, è fondamentale avere sempre a portata di mano una bottiglietta d'acqua ed evitare alcolici e cibi particolarmente grassi, così come tenere sotto occhio alcuni segnali che il nostro corpo ci invia per farci capire che non stiamo bevendo abbastanza. Basti pensare che appena si perdere l'1,5% di acqua dall’organismo già si raggiungere un lieve stadio di disidratazione, con la comparsa dei primi sintomi.

Altra regola fondamentale è che non bisogna mai aspettare di avere sete: la sete, infatti, è già un segnale di carenza idrica e quando ci si rende conto di avere la bocca secca l'organismo è già in parte in allarme.

Ecco i segnali che ci indicano che non stiamo bevendo abbastanza.

  • Pelle secca - la pelle del viso e del corpo tira e prude, quindi è probabile che gli strati più profondi dell'epidermide abbiano bisogno di acqua: infatti, assumere la corretta quantità di acqua contribuisce a idratare l'epidermide dall'interno, rendendola elastica e luminosa, e garantisce sia la corretta circolazione del sangue che l'afflusso di sostanze nutritive. Per sapere se stiamo bevendo a sufficienza possiamo ricorrere al "test del pizzicotto": basterà afferrare il dorso della mano con pollice e indice, per poi rilasciare la stretta. Se restano grinze vuol dire che è necessario bere di più.
  • Alitosi - l'alito cattivo può essere uno dei segnali di disidratazione. Infatti, bere poca acqua comporta una diminuzione nella produzione della saliva, che, grazie alle sue proprietà antibatteriche, impedisce ai batteri di proliferare nella bocca. Inoltre, l'acqua aiuta a eliminare eventuali residui di cibo che, quando vengono attaccati dai germi del cavo orale, vanno incontro a fermentazione e causano cattivo odore.
  • Stipsi - assumere la giusta quantità di liquidi garantisce un corretto funzionamento della peristalsi intestinale e impedisce la comparsa del fastidioso gonfiore addominale. 
  • Mal di testa - non idratarsi a sufficienza spesso comporta l'insorgere di mal di testa ed emicranie: la disidratazione, infatti, agisce sui livelli di serotonina e sulla microcircolazione del cervello, entrambi fonte di queste problematiche.
  • Urine scure - uno dei segnali esterni che ci indicano che non stiamo bevendo abbastanza sono le urine di colore scuro e molto concentrate, dovute al fatto che, in caso di scarsa idratazione, i reni tendono a trattenere i liquidi. Le conseguenze possono essere calcoli renali e/o infezioni alle vie urinarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento