Pavimento pelvico femminile, questo sconosciuto: ecco come prevenire e affrontare i disagi del post parto e dell'età

Fino a qualche anno fa non si parlava di questo argomento, centrale per il benessere della vita femminile; oggi la consapevolezza della sua importanza è più diffusa. Ecco qualche consiglio per mantenerlo tonico e funzionale

La maggior parte delle donne viene a “conoscenza” dell’esistenza del pavimento pelvico solo quando si trova in gravidanza, perché durante il corso pre-parto glie ne parlano con la dovuta importanza ostetriche e ginecologi. Infatti il pavimento pelvico, luogo posto alla base del nostro corpo, costituisce un incredibile intreccio di muscoli volontari ed involontari, legamenti e fasce che stanno ancorati alle ossa del bacino (sacro, al coccige, agli ischi ed al pube).

Le preziose funzioni del pavimento pelvico

Nella sua posizione baricentrica, il pavimento pelvico nel corpo della donna è preposto a sostenere la vescica, la vagina, l'utero ed il retto. Il pavimento pelvico è responsabile del benessere di tutti questi organi e quando si indebolisce, è l’intero corpo ad indebolirsi. 

Quando il pavimento pelvico si mantiene tonico, al contrario, è tutto il corpo della donna ad averne beneficio. Purtroppo, con il passare degli anni e in particolare con le gravidanze e i parti, questa zona del corpo nascosta quanto preziosa si indebolisce.

All’elasticità del pavimento pelvico sono legate diverse importanti funzioni corporee: defecazione e minzione in primo luogo, ma anche la sessualità.

Per decenni il pavimento pelvico è stato un tabù, oggi invece, si è diffusa la giusta sensibilità nei confronti di questo argomento e verso i problemi ad esso connessi come prolasso, incontinenza femminile e altri disagi.

Quando si presentano i problemi al pavimento pelvico e come intervenire

Con l’avanzare degli anni e dopo una o più gravidanze, il pavimento pelvico femminile tende a perdere la sua elasticità e tonicità, gli organi che esso sostiene si abbassano e la loro funzione viene alterata: ecco che può accadere di provare poco piacere durante un rapporto sessuale o di dover essere sottoposte ad episiotomia durante il parto o, nel post-parto, di soffrire di problemi di incontinenza e avanti negli di prolasso o dolori lombari.

E’ importante che ogni donna impari a riconoscere e attivare il proprio pavimento pelvico durante le azioni comuni della vita quotidiana, come starnuti e colpi di tosse, o sollevare un peso, abbinando l’esecuzione di alcuni esercizi. Ogni gesto va compiuto con la consapevolezza che il pavimento pelvico è perfettamente in grado di adattarsi ai movimenti e ai cambi di postura, per assicurare sempre una buona tensione e mantenere in posizione la vescica, l’utero e il retto della zona pelvica.

Alcuni esercizi per mantenere tonico il pavimento pelvico

  1. Esercizio dell’ascensore: contraete progressivamente e con intensità crescente i muscoli della vagina, immaginando di salire di piano in piano con un ascensore, e poi si rilasciate con la stessa gradualità
  2. Pipì stop: quando si urina, il primo accorgimento da compiere è interrompere per pochi secondi il getto della pipì. In questo modo riconoscerete i muscoli giusti da allenare; una volta eseguito l’esercizio un paio di volte abbiate cura poi di svuotare del tutto la vescica per evitare ristagni di urina
  3. Esercizio di Kegel
  • – svuotate completamente la vescica
  • – contraete i muscoli del pavimento pelvico per 5-10 secondi
  • – rilasciateli lentamente per lo stesso periodo di tempo
  • – non muoverete gambe, glutei o muscoli addominali durante la ginnastica
  • – ripetete la serie 10 volte, 2-3 volte durante il giorno

In consigli in più

Per prendere consapevolezza dell'importanza del pavimento pelvico e per migliorarne elasticità e funzionalità:

  • quando tossite e starnutite tenete contratti i muscoli del pavimento pelvico
  • evitate la stipsi
  • evitate i chili di troppo in gravidanza
  • evitate di stare troppo a lungo in piedi.

A Perugia, la USL 1 mette a disposizione delle donne un servizio di valutazione funzionale del pavimento pelvico, con possibilità di accesso, se ritenuto necessario, a dieci sedute di riabilitazione individuale. Tutte le info sulla pagina dedicata del sito www.uslumbria1.gov.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 3 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 29 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 2 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa all'1 dicembre: tutti i dati comune per comune

  • La Liguria ritorna in zona gialla mentre l'Umbria resta arancione: eppure i dati parlano chiaro, situazione migliore da noi...

Torna su
PerugiaToday è in caricamento