rotate-mobile
Salute

Diabete in vacanza, come affrontarlo senza preoccupazioni

Il decalogo proposto dalla diabetologa Francesca Pancani per affrontare serenamente le partenze e le vacanze anche per chi soffre di diabete e deve costantemente monitorare la sua salute

Quando si sta per partire per le vacanze ma si convive con una patologia come il diabete, ci sono alcuni aspetti che non si possono trascurare. Infatti, durante la villeggiatura o in generale in  un posto fuori casa, inevitabilmente si modifica lo stile di vita con fusi orari, alimentazione e vita sociale.

“In estate si moltiplicano le tentazioni a tavola, in palestra, nelle relazioni sociali e si aggiungono anche molte variabili legate agli spostamenti che complicano il controllo della glicemia e dell’insulina. Invito sempre i miei pazienti a prendersi una “pausa consapevole” almeno una volta all’anno, nel rispetto però di alcune semplici regole. Per fortuna l’evoluzione tecnologica - rassicura Francesca Pancani, Dirigente Medico UOC di Diabetologia Ospedale di Livorno ASL Toscana Nord-Ovest, Responsabile ambulatorio per le tecnologie dedicate al diabete - sta contribuendo a mettere i pazienti in sicurezza dal punto di vista della gestione della malattia ma anche offrendo una tranquillità mentale necessaria per godersi una vacanza”.

L’importanza di uscire dalla routine

Quando si soffre di diabete, la propria giornata è scandita da un ritmo molto preciso, regolato da una serie di scadenze imposte dalla cronicità. Queste si impongono anche per tutto il tempo della vacanza?

“Le vacanze sono un momento dell’anno in cui, proprio per la mancanza di impegni lavorativi, abbiamo l’occasione per avere più tempo per noi e per la nostra vita. Il tempo a disposizione e il soggiorno in luoghi di villeggiatura, ci devono invogliare a concentrarci su nuove abitudini alimentari e fisiche. Questo vale anche e soprattutto per le persone con diabete, già abituate tutto l’anno a seguire regole fisse – precisa PANCANI – per cui ben vengano anche alcune concessioni dietetiche e occasioni di attività fisica diverse dalla nostra routine, ma sempre nel rispetto di un controllo del compenso metabolico. Ora, grazie al prezioso supporto della tecnologia, è molto più facile gestire una concessione a tavola magari fuori dall’orario standard o un allenamento extra. Innovativi sistemi di monitoraggio della glicemia e di infusione dell’insulina proteggono da pericolose imprecisioni che una gestione manuale potrebbe provocare”.

Integrare i liquidi ma attenzione alla frutta

Perché i liquidi, l’idratazione e il caldo sono correlati al diabete? Perché una carenza di idratazione può interferire con l’assorbimento dell’insulina a livello cellulare.

“E’ la solita raccomandazione estiva quella legata alla reidratazione, che non può mancare nell’elenco degli alert estivi. Ma se ci rivolgiamo a chi soffre di diabete non bere a sufficienza diventa pericoloso, perché  in condizione di disidratazione l’insulina non lavora correttamente a livello dei tessuti periferici dell’organismo potendo favorire ulteriore aumento della glicemia. L’iperglicemia associata al diabete inoltre – continua Pancani – è di per sé causa di disidratazione perché si perdono  con le urine una quota di liquidi che il glucosio porta con sé per un meccanismo di diuresi osmotica. Reidratarsi significa assumere maggiormente liquidi, oltre a verdura e frutta, anche se una raccomandazione è d’obbligo. La componente zuccherina della frutta fresca  deve essere controllata per un numero di 2-3 porzioni giornaliere e non deve diventare un pasto sostitutivo”.

La tecnologia di supporto è indispensabile

Per una migliore gestione del diabete oggi è disponibile una tecologia sempre più evoluta. Grazie a dispositivi sempre più piccoli e soprattutto più “intelligenti” si può avere certezza nella misurazione della glicemia e la sicurezza di precisi interventi terapeutici, che hanno reso possibile sia il misuratore in continuo della glicemia, sia l’infusore di insulina, due apparecchi tecnologici fondamentali per migliorare lo stile di vita di tutti i giorni, anche in vacanza.

“L'andamento della glicemia in vacanza è difficile da prevedere, soprattutto se ci concediamo dei piccoli sgarri al netto dei sensi di colpa per averli fatti. Ora grazie all'ultima tecnologia del monitoraggio in continuo della glicemia in tempo reale (CGM, Continuous Glucose Monitoring) - prosegue PANCANI - è possibile avere un livello di predittività molto alto, preciso e sicuro. Questo comporta anche un effetto psicologico tranquillizzante sui pazienti, che si stanno dimostrando più consapevoli e pronti a intervenire a fronte di una reale necessità generata. I dispositivi di ultima generazione sono dotati di un sistema di allarme predittivo capace di anticipare il problema offrendo ben 20 minuti per intervenire con serenità sul piano terapeutico”.

Il decaologo del paziente diabetico in vacanza

Quando si è in vacanza il tempo non è più scandito dall'orologio, liberandosi dagli impegni e dai pensieri. 
Ecco allora dieci consigli per organizzare meglio le partenze ed evitare spiacevoli inconvenienti al rientro. 

  1. Prepara con anticipo una scorta idonea di insulina, meglio se con un calcolo più abbondante dei giorni di permanenza (se portatore di micro portare anche una penna di insulina basale da utilizzare in caso di guasti al device)
  2. Usa una borsa termica come contenitore del kit dei farmaci per mantenere integro il principio attivo che con il caldo potrebbe deteriorarsi
  3. Controlla di avere sempre una mini-dispensa (es. succo di frutta, bibita zuccherata, caramelle, fette di pane) per prevenire/gestire eventuali ipoglicemie
  4. Nel kit dei farmaci, non dimenticare quello per le emergenze da ipoglicemia (glucagone) che ora è disponibile anche in una semplice forma inalatoria e prescrivibile dal medico
  5. Tieni sempre nel bagaglio a mano il kit dei farmaci, la mini-dispensa e la certificazione che attesti la patologia per giustificare il trasporto di aghi, lame, liquidi, device
  6. Se viaggi da solo o con minorenni, usa un braccialetto/biglietto/certificazione per poter riconoscere la malattia e intervenire in caso di emergenza
  7. Durante il soggiorno, pianifica e monitora le attività fisiche più dinamiche che potrebbero cambiare il fabbisogno insulinico
  8. In compagnia, fai un uso moderato di alcolici e super alcolici, evitando di farlo a stomaco vuoto 
  9. Se sei tu alla guida durante le trasferte, fai piccole pause ogni ora utili a riposarti e a controllare i livelli di glicemia
  10. Rispetta e segui le indicazioni e gli allarmi che i dispositivi per il monitoraggio e/o infusore di insulina indicano, senza farti distrarre dal contesto spensierato e mondano.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diabete in vacanza, come affrontarlo senza preoccupazioni

PerugiaToday è in caricamento