Fitness

Trekking, il re degli sport nel 2020: lo afferma un'indagine

Gli italiani avrebbero scelto nel 2020 l'escursionismo come sport preferito e più praticato: ecco perché

Secondo un'indagine dell'Isnart (Istituto Nazionale Ricerche Turistiche) riportata da Il Sole 24 Ore, nel 2020 lo sport preferito dagli italiani e più particato è stato il trekking. Infatti il 39 per cento dei notri connazionali ha scelto l'attività di camminata all'aperto come sport da praticare il più possibile. Complice la pandemia, gli italiani hanno iniziato a riscoprire le bellezze dei propri territori, esplorandeole "a passo lento", percorrendo gli svariati cammini e percorsi che solcano il Bel Paese da Nord a Sud.

Il dato è confermato anche dalla community di Strava, l'app di tracciamento sportivo che, a dicembre, ha reso pubblico il rapporto "A year in sport" considerando il periodo ottobre 2019 - settembre 2020.

L'Umbria, per la sua confromazione e la sa ubicazione geografica ubicata sulle vie di comunicazione per la Capitale, conta bellissimi cammini, tra cui la Via di Francesco, il Cammino di Assisi, il Cammino Francescano della Marca, il Cammino dei Protomartiri Francescani, il Cammino di Benedetto, la Via Lauretana Assisi-Loreto,

Il trekking: come praticarlo e i benefici

L'escursionismo è una vera e propria attività motoria e sportiva che si incentra sul camminare a scopo di studio o svago lungo percorsi poco agevoli che hanno la caratteristica di non poter essere percorsi con i mezzi di trasporto convenzionali: sentieri, sentieri a lunga percorrenza, ippovie e simili. Il termine trekking come si identifica anche questo sport proviene dalla lingua inglese, dal verbo to trek, che significa appunto camminare lentamente o anche fare un lungo viaggio. In genere l'escursionismo si pratica in montagna o comunque in un ambiente naturale, e può essere accompagnato da attività naturalistiche quali il bird watching, l'osservazione di specie botaniche o anche la visita di monumenti o fenomeni naturali che si trovano lungo il percorso. 

Chi pratica il trekking gode di numerosi benefici fisici e mentali: è infatti una valvola di sfogo che permette di allentare le tensioni e lo stress quotidiano, aiuta i processi cerebrali, fa bene all'apparato cardiocircolatorio, aiuta la respirazione, rende tonici i muscoli.

Le motivazioni

È facile intuire perché il trekking sia stato lo sport più praticato dagli italiani nel 2020: complice la pandemia con il conseguente lockdown, la voglia di vivere uscire dalle mura domestiche e vivere nuove esperienze, scoprire luoghi diversi e stare all'aria aperta, hanno avuto la meglio.

Molti erano già amanti del trekking prima del Covid, ma in tanti hanno scoperto questa disciplina sportiva alla ricerca di benessere, distrazione e contatto con la natura, lontano da luoghi troppo affollati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trekking, il re degli sport nel 2020: lo afferma un'indagine

PerugiaToday è in caricamento