Lunedì, 20 Settembre 2021
Alimentazione

Dieta e porzioni abbondanti? Si può fare, ecco in quali casi

Essere consapevoli di che cosa mangiamo e scegliere delle alternative meno caloriche, è uno dei trucchi per non rinunciare alle quantità più abbondanti del cibo che amiamo

Ormai tutti siamo consapevoli del fatto che per mantenersi in linea occore seguire un regime alimentare corretto con una dieta sana ed equilibrata, in grado di fornirci il giusto numero di nutrienti, senza eccedere con le calorie. A volte, però, questo non ci chiarisce le quantità di cibo che possiamo mangiare. Sia quando si segue una dieta con l'obiettivo di dimagrire, sia in un'alimentazione non rigida ma equilibrata, la tendenza è quella di mangiare porzioni più abbondanti rispetto al necessario, e questo ci espone al rischio di perdere il controllo del nostro peso corporeo.

Un principio base è che per dimagrire o comunque rimanere in forma, dobbiamo consumare più energia di quanta ne introduciamo con il cibo. Infatti, quando ci mettiamo a dieta, in genere l'esperto a cui ci affidiamo ci indica con precisione non solo quali alimenti dobbiamo consumare, ma anche in quale quantità. In questo caso, dunque, risulta fondamentale quella pratica indubbiamente seccante di pesare gli alimenti.

Anche se la regola della minore quantità è largamente condivisa, alcuni esperti non sono d'accordo. C'è infatti chi sostiene che ridurre le porzioni non serve se facciamo attenzione a ciò che mangiamo. Tra questi la nutrizionista australiana Paula Norris che - in un articolo sul tabloid britannico Daily Mail - ha dato consigli su come perdere peso senza ridurre le porzioni, ma solo rendendo il cibo più sano.

Cosa dice l'esperta

L'esperta ha consigliato di sostituire alcuni ingredienti con altri meno calorici, ma dal gusto e funzione simile. In sintesi, non dobbiamo per forza ridurre la quantità, ma optare per un alimento (meno calorico) piuttosto che per un altro quando componiamo il nostro pasto. 

Per risparmiare l'assunzione di molte calorie pur non rinunciando a piatti gustosi e abbondanti, ci sono alcuni consigli pratici. In particolare, la Norris ha suggerito di ridurre di metà la quantità di carne macinata in piatti come gli spaghetti alla bolognese e di aggiungere invece fagioli neri o rossi. In generale nella carne trita si possono aggiungere carote, funghi o zucchine grattugiate per compensare la riduzione di carne.

Secondo la nutrizionista, in questo modo una persona "non solo assimilerà meno calorie, ma aggiungerà anche fibre preziose". La Norris ha inoltre incoraggiato la sostituzione del formaggio cheddar con il parmigiano perché ha un sapore più forte e può essere aggiunto a metà dose senza compromettere il gusto.

Al posto della maionese nelle insalate, secondo la nutrizionista, si può usare una miscela di due cucchiai di yogurt greco filtrato, un cucchiaino di senape di Digione, un cucchiaino di succo di limone e sale e pepe. Mediamente in questo modo risparmieremo 180 calorie. Inoltre, lo stesso yogurt è un'alternativa sana e dietetica alla panna acida.

Insomma, fantasia e creatività, ma con una giusta cultura alimentare, e non saremo costretti a sacrifici per mantenere la linea!

Fonte it.sputniknews.com

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieta e porzioni abbondanti? Si può fare, ecco in quali casi

PerugiaToday è in caricamento