Alimentazione

Alga spirulina, fa davvero dimagrire?

Molti usano questo prodotto naturale come integratore nelle diete dimagranti: vediamo cosa dicono gli studi e in quali casi è bene evitare il consumo di questo vegetale

Quando si tratta di diete miracolose e prodotti che promettono di conquistare una forma strepitosa, bisogna fare alcune distinzioni. A questo proposito, l’Arthrospira platensis, comunemente chiamata spirulina, è un’alga azzurra unicellulare che vive in laghi di acqua dolce con acque alcaline e calde. Grazie alle sostanze in essa contenute, l'alga spirulina possiede molteplici proprietà nutrizionali e terapeutiche, e sembra sia anche un valido aiuto per dimagrire. Vediamo se è questo il caso in cui in effetti il prodotto mantiene quel che promette.

Vediamo tutto quello che c’è da sapere sull’alga spirulina: a cosa serve, i benefici, come usarla e se è davvero efficace per dimagrire.

Alga Spirulina: utilità e benefici

Fonte primaria di cibo per gli Aztechi e per le altre popolazioni dell'America Centrale fino al XVI secolo, l’alga spirulina ad oggi viene utilizzata come integratore alimentare alla dieta ed è disponibile in compresse, fiocchi e polvere.

La spirulina infatti, grazie al particolare microambiente e le caratteristiche dell’acqua in cui cresce, contiene un alto contenuto di proteine di origine non animale (dal 55% al 65% del suo peso), amminoacidi essenziali e lipidi. Inoltre, nell'alga spirulina sono contenuti anche alcuni minerali come ferro, rame, manganese e magnesio, e vitamine, tra cui il tocoferolo, alcuni carotenoidi (o provitamine A), l'inositolo e molte vitamine del gruppo B, tra cui la vitamina B12 in forme però biologicamente non attive: per questo motivo per il quale la spirulina non deve essere considerata un integratore o un alimento funzionale utile per prevenire o colmare la carenza di questa vitamina nella dieta.

Esistono alcuni studi scientifici sull’alga spirulina come trattamento per l'aspetto estetico, per l'avvelenamento da arsenico, per la febbre da fieno e la rinite allergica, nell'artrite, nell'Iperlipoproteinemia e nell'ipertensione e come mezzo per migliorare la tolleranza allo sforzo. Ma questi studi sono ancora considerati preliminari e secondo il National Institutes of Health le prove scientifiche sono ancora troppo poche per raccomandare un supplemento di spirulina per qualsiasi condizione umana e sono necessarie altre ricerche per chiarirne i benefici.

I benefici dell’alga spirulina

Tra i principali benefici comportati dall’assunzione dell’alga spirulina ci sono:

  • azione antiossidante – grazie alla presenza di vitamine, ficobiline ed altri pigmenti, tra cui la clorofilla, la spirulina ha forti proprietà antiossidanti, favorendo memoria e concentrazione, contrastando i radicali liberi e proteggendo l’organismo dai danni che questi possono causare, come invecchiamento precoce, malattie neurodegenerative, alcune forme tumorali e malattia aterosclerotica;
  • prevenzione delle malattie cardiovascolari - grazie alla presenza di omega-6 e dell'acido gamma linolenico, l'alga spirulina aiuta a migliorare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue, normalizzare la pressione arteriosa, partecipare alla formazione delle guaine mieliniche che rivestono i nervi e migliorare la funzionalità del sistema immunitario;
  • supporto nutrizionale nelle diete vegane e vegetariane
  • supporto nello stato di salute di atleti sottoposti ad allenamenti intensi;
  • protezione dell’organismo dai danni indotti dallo stress ossidativo e dall’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti.

La spirulina fa dimagrire?

L'alga spirulina fa davvero dimagrire come affermano in tanti? A dire il vero, non ci sono prove scientifiche che la spirulina faccia dimagrire o aiuti nella digestione. Di certo, però, data l’alta concentrazione di proteine, l’alga spirulina può aiutare nell'integrare minerali, in particolare il ferro, o necessiti di una fonte proteica supplementare. 

Ricette con la spirulina

Oltre che come integratore, l’alga spirulina si può utilizzare come ingrediente in cucina in polvere o come estratto secco, per arricchire piatti e condimenti.

Ecco qualche suggerimento:

  • prepara un centrifugato energizzante e rinvigorente aggiungendo dell’estratto secco di spirulina a zenzero, limone e carota;
  • aggiungi l’estratto secco di alga spirulina all’impasto della pasta fresca o del pane fatto in casa, utilizzando farine integrali preferibilmente a basso tenore di glutine; 
  • aggiungi la spirulina al sale marino e al sesamo per insaporire contorni di verdure, primi e secondi piatti, ma anche a piatti freddi, insalate, zuppe e vellutate.

Controindicazioni ed effetti collaterali dell’alga spirulina

Quando si usa l'agla sppirulina, bisogna assicurarsi che non sia contaminata da microcistine o anatossine, sostanze tossiche che, anche se non sono prodotte direttamente dalla spirulina, possono essere presenti per contaminazione e creare effetti indesiderati.

Tra i più comuni ci sono disturbi gastrointestinali, come mal di stomaco, nausea, vomito, debolezza, sete, battito cardiaco accelerato, shock e, a lungo termine e nei casi più gravi, cancro al fegato e decesso. Inoltre è bene ricordare che la spirulina può assorbire metalli pesanti: per questo è bene acquistare solo prodotti sicuri.

In ogni caso, se si decide di usare qusto come altri intrgratori, è sempre bene consultare il parere di un esperto, poiché esistono delle condizioni fisiche nelle quali l'uso di spirulina deve essere evitato. In particolare, non bisogna assumere alga spirulina con problemi alla tiroide, malattie autoimmuni, calcoli ai reni, gravidanza o allattamento, gotta. Inoltre, l’alga spirulina va assolutamente evitata da pazienti affetti da fenilchetonuria o che seguono trattamenti anticoagulanti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alga spirulina, fa davvero dimagrire?

PerugiaToday è in caricamento