rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Violenza di genere, il Comune di Perugia aderisce al protocollo regionale e alla rete di protezione

anti i soggetti istituzionali coinvolti per rafforzare gli strumenti di tutela e fornire risposte alle vittime

Violenza di genere, il Comune di Perugia conferma il proprio impegno nell’ambito delle azioni di contrasto e sottoscrive il protocollo regionale che mette in rete enti locali, aziende ospedaliere, aziende unità sanitarie locali, dal Centri pari opportunità, centri Antiviolenza e Case rifugio, forze dell’ordine, la magistratura ordinaria e minorile, l’ufficio scolastico regionale, le associazioni di donne e di tutela ai bambini e i soggetti che hanno come finalità il contrasto della violenza degli uomini contro le donne.

Le finalità del protocollo sono proteggere le donne da ogni forma di violenza; prevenire, contrastare, perseguire ed eliminare i fenomeni; proteggere e supportare le bambine e i bambini testimoni di violenza assistita;  garantire le misure destinate a tutelare i diritti delle vittime di violenza; contribuire ad eliminare ogni forma di discriminazione contro le donne e promuovere la concreta parità tra i sessi, rafforzando l’autonomia, ed aiutandole ad uscire dalla spirale di violenza,  promuovere iniziative per consentire e facilitare l’emersione del fenomeno; adottare le misure necessarie per istituire o sostenere programmi rivolti agli autori di atti di violenza.

Ai Comuni aderenti, oltre agli impegni condivisi con gli altri firmatari, è richiesto di coordinare le reti territoriali di contrasto della violenza contro le donne basata sul genere; assicurare, mediante convenzioni con associazioni di donne la gestione dei centri antiviolenza ed eventualmente degli sportelli e dei punti d’ascolto; assicurare sostegno e protezione alle donne vittime di violenza, valorizzare la pratica di accoglienza, individuare reti relazionali da attivare, mettere a disposizione le proprie reti di accoglienza, e assicurare sinergie e collaborazioni tra la rete dei servizi sociali e i centri antiviolenza – case rifugio a partire dalla gestione delle situazioni di emergenza; sostenere i figli minori vittime di violenza assistita, contribuire al sistema di finanziamento; promuovere e partecipare a corsi di formazione mirati, favorire e sostenere, insieme alle aziende sanitarie, il coordinamento funzionale da parte dei Cav dei servizi di fuoriuscita dalla violenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza di genere, il Comune di Perugia aderisce al protocollo regionale e alla rete di protezione

PerugiaToday è in caricamento