menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Pinturicchio, l'oratorio del Santissimo Sacramento tornerà a nuova vita: iniziati i lavori di restauro

Iniziati i lavori all’Oratorio del SS.mo Sacramento, adiacente alla chiesa di Santa Maria Nuova in via Pinturicchio

Iniziati i lavori all’Oratorio del SS.mo Sacramento, adiacente alla chiesa di Santa Maria Nuova in via Pinturicchio. La situazione di precarietà statica dell’edificio era stata personalmente segnalata dall’Inviato Cittadino su queste colonne: nostra, dunque, la responsabilità (o il merito?) di aver sollevato un problema reale. Cui si sta dando soluzione.

All’interno dell’Oratorio è stata montata un’importante – e impattante – impalcatura. L’intervento viene effettuato a cura dell’Impresa romana TLM Costruzioni, su progetto e direzione lavori dell’ingegner Giacomo Menichelli. In prima istanza vanno consolidati gli intonaci in corrispondenza dei punti di appoggio interni. Pare che la situazione degli affreschi, verificata da vicino, risulti assai peggiore del previsto. Pertanto, prima di appoggiarvi controchiavi, è opportuno fissare l’intonaco.

Non si interverrà sul complesso delle finte architetture prospettiche, opera di Pietro Carattoli, né sulla centrale “Gloria della Croce” di Anton Maria Garbi, sebbene ne abbiano estremo bisogno. Il fatto è che “pecunia deficit”, ossia mancano i fondi per un intervento organico di restauro artistico. Ma fa male al cuore vedere toppe con cemento grigio invece che idonei ripristini di intonaco, caduto con le relative decorazioni. I miei ricordi infantili riportano alla mente ben diverse immagini d’arte, poi colpevolmente dissolte, grazie all’incuria e all’abbandono. Le infiltrazioni d’acqua hanno fatto il resto.

Fissato l’intonaco e le decorazioni, limitatamente alla zona d’intervento, si dovrà operare sia all’interno che all’esterno. Dove andrà sostituita la poderosa chiave che deve fungere da elemento attrattore rispetto al muro e non certamente esserne inglobata, come è purtroppo accaduto. Si prevede che la durata dei lavori non si protrarrà oltre un paio di mesi. Per ciò che riguarda il consolidamento e la messa in sicurezza. Quanto all’arte… si vada a vedere il significato dell’espressione “calende greche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento