INVIATO CITTADINO Via dei Priori, guano dei piccioni a vagonate: fate qualcosa

Accade in fondo a via dei Priori, ad angolo con la via San Francesco

Accade in fondo a via dei Priori, ad angolo con la via San Francesco. Qui, sotto un arco, sono piazzati dei riflettori il cui compito è quello di mostrare le bellezze di questo pregevole scorcio cittadino. Ma, statisticamente, questo è un punto veramente maledetto. Tre anni fa una turista venne colpita da un frammento di laterizio, precipitato da quella volta che perde letteralmente i pezzi.

Come opera provvisionale “provvisoria”, venne piazzata una rete metallica cui fu affidato il compito di trattenere quei sassi in caduta libera. Ma nel Bel Paese nulla è più definitivo del “provvisorio”. Tanto che, ad oggi, nessun lavoro è stato intrapreso: si dice che occorra mettere d’accordo diversi proprietari.

Ma, trattandosi di lavoro necessario e urgente, chi impedisce al Comune di prendere in mano le redini e procedere coi lavori? Salvo, poi, addebitare a quanti fossero riconosciuti come inadempienti le spesse sostenute.

Sotto l’arco, sebbene siano stati in parte fissati dei dissuasori ad aghi, stazionano i piccioni i quali vi hanno depositato “vagonate” di deiezioni che certamente non sono un bel vedere. Evidentemente, deve trattarsi di dissuasori che non dissuadono. Quella massa di “roba” è il frutto di vari anni di accumulo. Che ci vorrebbe a rimuovere quello schifo?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento