Lunedì, 21 Giugno 2021
Attualità

Vaccini antinfluenzali, l'appello della Cgil: "Aumentare il numero delle dosi ed evitare ritardi"

Dalle 175mila dosi di vaccino del 2019 si passa alle 260mila previste per il 2020. "Occorre incentivare la campagna di informazione coinvolgendo anche i medici di medicina generale, per evitare che si sommino ritardi nella gestione"

Con la stagione invernale ormai alle porte, torna anche il rischio influenza. L’emergenza Covid ha già evidenziato l’importanza dei vaccini antinfluenzali come arma di prevenzione. Ecco perché la Spi – Cgil di Perugia, già lo scorso 26 aprile, aveva invitato la Regione e le Asl ad acquistare i vaccini. “Sappiamo - e le vicende internazionali lo dimostrano - che la battaglia contro il Covid 19 è lunga e per questo riteniamo necessario mettere in campo tutte le iniziative finalizzate a contrastare il Covid19 e le patologie che possono costituire concausa di decessi”. Spiega in una nota il sindacato.

Anche nella nostra regione ci sono, dopo le sollecitazioni dei sindacati dei pensionati, indubbi passi in avanti: “dalle 175mila dosi di vaccino del 2019 si passa alle 260mila previste per il 2020. Pensiamo però che occorra incentivare la campagna di informazione, coinvolgendo direttamente anche i medici di medicina generale, per evitare che si sommino ritardi nella gestione di questa importante iniziativa”.

Ma, pur se sono state aumentate le dosi da distribuire, per la Spi Cgil non sarebbero sufficienti a coprire tutta la popolazione ultrasessantenne che in Umbria è costituita da 275mila cittadini. “Oltre a questo, va sottolineato che ci sono anche persone al di sotto dei 60 anni (minori e adulti fragili) che debbono poter rientrare in una campagna di vaccinazione all’altezza della situazione”

Il segretario provinciale Mario Bravi, sollecita affinchè venga aumentato il numero delle dosi da distribuire per far fronte a questo autunno-inverno: “Tutte le fonti mediche e scientifiche evidenziano l’importanza dei vaccini come arma di prevenzione e la preoccupazione da affrontare è la co-circolazione del virus influenzale e del Covid 19”.

.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini antinfluenzali, l'appello della Cgil: "Aumentare il numero delle dosi ed evitare ritardi"

PerugiaToday è in caricamento