Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità

Vaccini coronavirus, la Cgil scrive alla Regione Umbria: "Coinvolgere i medici di famiglia"

Lettera a Palazzo Donini per chiedere il coinvolgimento dei medici di medicina generale

Serve la "pianificazione del fondamentale coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna vaccinale anti Covid-19". La Fp Cgil Umbria, insieme alla Fp Cgil Medici e al coordinamento dei medici di medicina generale della Fp Cgil dell’Umbria, ha inviato alla Regione Umbria una lettera per chiedere il coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna di vaccinazione della popolazione contro il coronavirus. Questi medici, spiegano dal sindacato, "oltre ad avere una conoscenza dei pazienti, hanno anche la capacità e possibilità di convincere coloro che sono indecisi o riluttanti alla somministrazione".

Il testo inviato alla Regione Umbria 

Come è noto, è partita in queste settimane la campagna di vaccinazioni che interesserà in primis il personale sanitario, a tale scopo sono stati individuati dei team che visti i dati della Regione Umbria, stanno svolgendo un ottimo lavoro, in termini di percentuale di personale sottoposto a vaccino in rapporto alle dosi a disposizione.

Attualmente si sta inoculando il vaccino della Pfizer che per le modalità di conservazione (- 70/80 gradi) può essere utilizzato solo dalle strutture sanitarie in possesso delle giuste attrezzature (ospedale e Usl). A seguire, con le stesse modalità e con lo stesso vaccino, potranno essere raggiunte altre categorie di cittadini, quali forze dell’ordine, insegnanti, personale dello Stato, in quanto tutto personale accreditato nella P.A. e facilmente raggiungibile tramite mail.
Stesso ragionamento vale per i pazienti in assistenza domiciliare integrata e programmata, pazienti in età avanzata, in alcuni casi anche gravi, che possono essere facilmente raggiungibili da equipe di medici ed infermieri, che già conoscono condizioni sociali e luoghi di residenza.
Proprio in questi giorni l’Aifa ha autorizzato il vaccino dell’azienda americana Moderna, che deve essere mantenuto a –20 gradi, o in frigo a ad una temperature che va dai 2 ai – 8 gradi, per 30 giorni stabilmente. Con questo vaccino, disponibile presumibilmente dai primi giorni di febbraio (quando tutti i MMG e personale di supporto sanitario e amministrativo saranno immunizzati) si potrebbe vaccinare il residuo degli ultraottantenni e successivamente, secondo le dosi disponibili, tutta un'altra fascia di popolazione che va dai 60 agli 80 anni, cittadini già negli elenchi dei MMG; presumibilmente un lavoro che potrebbe concludersi entro circa 30 giorni.
Da marzo potrebbe essere disponibile il vaccino di Astra Zeneca, che potremmo usare per vaccinare la restante parte di popolazione senza turbare o limitare l’organizzazione degli ospedali e delle Usl, che nel frattempo potranno tornare alle normali attività.
Di fatto questo lavoro di vaccinazione antiinfluenzale già viene effettuato dal MMG, i quali oltre ad avere una conoscenza dei pazienti, hanno anche la capacità e possibilità di convincere coloro che sono indecisi o riluttanti alla somministrazione.
La presente proposta vuole testimoniare la sensibilità e l‘impegno dei M.M.G. della FP CGIL nel contribuire nella somministrazione dei vaccini, certi anche della disponibilità di tutti i nostri colleghi. Ovviamente la stessa è subordinata alla possibilità di ricevere i vaccini nelle dosi e nei tempi che possano consentire una reale programmazione.
In attesa di un Vs gentile riscontro, confermiamo la nostra disponibilità ad effettuare un incontro al fine di concordare le modalità di applicazione della presente proposta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini coronavirus, la Cgil scrive alla Regione Umbria: "Coinvolgere i medici di famiglia"

PerugiaToday è in caricamento